Settimana Tricolore: I vincitori del campionato italiano strada paralimpici a Paternò.

SportJonico.it

lo sport della riviera jonica messinese

Friday
Dec 14th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home CICLISMO Settimana Tricolore: I vincitori del campionato italiano strada paralimpici a Paternò.

Settimana Tricolore: I vincitori del campionato italiano strada paralimpici a Paternò.

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Dopo la Crono, le gare su strada. Paternò ospita la seconda sessione di gare dedicate ai ciclisti paralimpici. Stessi protagonisti del giorno prima, tracciato diverso, con il passaggio nel cuore della città etnea, partenza e arrivo dalla suggestiva piazza Indipendenza, davanti alla chiesa dell’ex monastero di Cristo al Monte. Due gli scaglioni di partenze, alle 11 le Handbike, alle 13 i tandem, i ciclisti e i tricicli. Nella gara delle 11, un solo giro di percorso per le H1 (il numero indica il livello di handicap: più è basso il numero, maggiore l’handicap) maschile e femminile, 2 giri per tutte le altre categorie Handbike. Tra i campioni in gara Francesca Fenocchio tra le donne e Vittorio Podestà tra gli uomini, entrambi pluripremiati a livello nazionale e mondiale. Al termine del primo giro si registra il ritiro di Claudia Schuler per la categoria H2 femminile e per Luigi Grill nella categoria H3 maschile, entrambi per problemi tecnici.

Gare del Mattino ore 11.00

Categoria H1uomini: Taglia per primo il traguardo Marius Ganthaler, alla media di 16,730 km/h: «È stata molto dura – ha affermato il neo campione italiano – anche perché con il gran caldo di oggi la fatica si moltiplica: è stata comunque una grande soddisfazione superiore le varie difficoltà che presentava il tracciato, ma soprattutto, dovevo continuamente bere per idratarmi. Aver completato la corsa giungendo al titolo è una grande soddisfazione». Classifica dell’H1 maschile: Ganthal, Giozet, Garofalo

Categoria H1 donne:  Vince Graziella Calimero, soddisfatta del risultato dopo il secondo posto nella crono di ieri. Una soddisfazione per l’atleta in gara più anziana, con 69 anni e tanta voglia ancora di stupire: «Sono felice, non ho parole – commenta la pneumologa del Cus Verona – ringrazio la Sicilia e tutti gli organizzatori. Il mio bilancio ai campionati è più che positivo, col secondo posto di ieri e la vittoria di oggi. Un risultato che mi rende felicissima». Classifica dell’H1 donne: Calimero, Amadeo, Borelli.

Categoria H2 maschile: Oro per Vittorio Podestà. Per l’atleta, abituato a vincere, è comunque una “prima volta” : «Non avevo mai vinto gare in linea, se è successo è grazie anche al percorso di gara – spiega il neo campione italiano – Non sono un velocista, e quindi la soddisfazione è doppia. Mi trovo nel mio periodo migliore, è da un mese che vado bene, volevo venire determinato a fare del mio meglio, dopo il mondiale andato male lo scorso anno, e mi sono riscattato. Ho dimostrato che ho ancora molto da dare a questa disciplina. Sono felice soprattutto per mia moglie che fa molti sacrifici per seguirmi e accompagnarmi». Classifica dell’H2 maschile: Podestà, Cecchetto, Sette, Groppi,  Di Bari. Non partiti:Zoeschg e Granellini

Categoria H2 donne: Nessun problema anche per Francesca Fenocchio, che fa il bis dell’oro conquistato ieri nella crono aggiudicandosi anche la gara in linea. Dietro di lei, a distanza siderale, la Cuccuru seconda dopo il ritiro della Schuler. Classifica H2 femminile: Fenocchio ,Cuccuru. Ritirata: Schuler

Categoria H3 Maschile: trionfo per Mauro Cratassa,che dopo il piazzamento nella crono centra anche la medaglia d’oro nella gara in linea. Dietro di lui altri nomi illustri, come quelli di Ruepp e di Achenza. Attardato il catanese Garraffo, che chiude a quasi un’ora di distacco dai primi ma con la soddisfazione di aver ancora una volta superato sé stesso, per di più in un circuito diffile e condizionato da un caldo davvero africano. Classifica H3 Maschile: Cratassa, Ruepp, Achenza, Thaler, Fagone           ,Ghiron, Dainese, Garraffo. Non partiti o ritirati: Settipani, Grill, Spadaro, De Bastiani,Ravalli e Tappeiner.

Categoria H4 maschile: Vince Bressanelli, unico concorrente in gara. Classifica H4 Maschile:Bressanelli    1:25:00,81

Gare Pomeriggio ore 13

Si alza un il vento nella fornace di Paternò a dare un po’di ristoro al pubblico: non ai ciclisti delle categorie in gara nel pomeriggio (bicicletta, tandem e tricilci), che sotto la canicola devono affrontare almeno chi due, chi tre giri del circuito (solo i tricicli ne effettuano uno). Per i triciclisti (Farroni, Mt2, Nari MT1 e Landi T1 donne), una sfida contro sé stessi, visto che ognuno è il solo concorrente della propria categoria. Il primo a concludere la sua gara è proprio Farroni.

  • Classifica categoria T2 maschile: Farroni 38:25,73
  • Classifica categoria T1 femminile: Landi 1:23:14,29
  • Classifica categoria T1 maschile: Nari 1:07:43,70

Categoria Tandem: Nessuna sorpresa nelle gare dei tandem: la gara femminile ricopia esattamente l’ordine d’arrivo della Crono di ieri: prima la coppia composta da Cinzia Coluzzi e Claudia Gentili, dietro di loro, Annalisa Minetti con Patrizia Spadaccini: «Oro ieri e oro oggi, la Sicilia mi porta davvero bene – spiega una stanchissima Coluzzi – A vincere non ci si abitua mai, io vado sempre per vincere, mai solo per partecipare. Questo è un circuito bellissimo, che ti spinge a fare il massimo per vincere. Per chi crede nell’allenamento e nel lavoro duro è davvero una soddisfazione vincere qui». «Caldo, vento e salite, un circuito molto difficile per i tandem – commenta la sua “guida” Claudia Gentili – Comunque siamo riuscite a vincere sia ieri che oggi, abbiamo fatto incetta di oro e siamo molto contente per questo».

La “coppia d’argento” è quella formata da Annalisa Minetti e dalla Spadaccini: «Siamo contentissime, almeno questa volta non abbiamo rotto la catena – scherza Annalisa Minetti, dopo lo sfortunato incidente di ieri – Questo circuito era molto difficile, ci ha creato qualche problema, ma non mi lamento: arriviamo dietro le migliori. Va bene così. Vuol dire che vincerò nella musica». «Annalisa Minetti ha un futuro in questo sport – spiega Patrizia Spadaccini – Ha una grande volontà, se si affina un po’ nella tecnica (spingere sui pedali, affrontare le discese) può diventare davvero pericolosa». Questa la classifica finale del tandem femminile: Coluzzi-Gentili, Minetti-Spadaccini, Oblach-Remondina, Cal-Pizzolotto. Al termine della gara, leggero malore per Annalisa Minetti, che è dovuta ricorrere alle cure dei medici di gara.

Categoria Master Maschile: È la coppia Bella-Trovato a vincere la categoria Master maschile. Un successo arrivato nonostante un piccolo incidente, è proprio il caso di dirlo, di percorso: «Abbiamo sbagliato percorso nel primo giro – spiega Angelo Bella – prima dell’arrivo abbiamo allungato di un paio di chilometri. Siamo rientrati in pista e abbiamo dovuto recuperare. Ma mi piace molto di più vincere così: ieri nella crono abbiamo vinto agevolmente, oggi è stato un massacro». «Conquistiamo l’oro su un circuito difficilissimo, in salita, con un caldo torrido – aggiunge Trovato – Ci siamo complicati la vita non ci piace vincere facile». Classifica finale tandem maschile master: Bella-Trovato     , Rusalen-La Scala      , Gallusi-Molé, Ongaro-Bortoluzzi, Marinato-Esposito. Ritiro per Montanari e Borghi

Tandem Maschile Assoluti: Altra vittoria facile nel tandem maschile assoluti per la coppia dei fratelli Pizzi, che bissano l’oro di ieri nella crono: «Ma non è stato facile – spiega Luca Pizzi, “guida” del fratello Ivano – .  Il caldo ha reso tutto molto difficile, sono temperature alle quali non siamo abituati. Siamo contenti di poter sommare la maglia iridata che deteniamo in questa categoria a quella azzurra. Ci dispiace per la  coppia siciliana, Romeo e Sanetti, che hanno rotto la catena al primo giro. Erano in casa, speravamo facessero risultato. Certo, il loro incidente ci ha reso tutto più facile. Per quanto ci riguarda, adesso speriamo di ripeterci a livello internazionale». Questa la classifica finale della categoria tandem maschile: Pizzi-Pizzi, Bersini-Riccardo, Ritirati: Romeo-Sanetti.

Nelle altre gare: vittoria in solitaria per la Vinci nella bicicletta C4 donne e per Pusatteri nella bicicletta maschile C1, e per Bargna nella categoria bicicletta C3 maschile. Oro per Pittacolo, che fa coppia con l’argento di ieri, nella categoria bicicletta C4 maschile e per Addesi nella bicicletta C5 e per Devincenzi nella categoria bicicletta maschile C1.

Queste le classifiche finali:

  • Bicicletta C5: Addesi, Maffezzoni, Francescut, Borgato     , Colombo. Ritirati o non partiti: Marconcini, Gazzetta,Cerri, Cannizzo, Ferrali e Tarlao
  • Bicicletta categoria C4 donne: Vinci 1:17:45,01
  • Bicicletta categoria C4 maschile: Pittacolo   , Fantoni, Rosa. Non partito:Trasacco
  • Bicicletta categoria C3 maschile: Bargna 1:03:27,71. Ritirati:Picciuca e Visenti
  • Bicicletta categoria maschile C1: Devincenzi, Caironi, Topatigh
  • Bicicletta categoria C1 maschile: Pusateri     1:31:53,47

 



Video - Primo Piano


Trasmissione Sportiva

Top menu

Contattaci