Il Limina vincendo contro la Robur rimane in scia della capolista Ghibellina.

Marwin Costa - giocatore del Limina.LETOJANNI – Il Limina con il minimo scarto espugna il Comunale “M. Lo Turco” contro una ostica Robur che ha fatto soffrire più del previsto la più quotata avversaria. Gara agonisticamente valida con la squadra liminese a condurre il pallino del gioco, di contro i ragazzi di mister Barca con un gioco accorto si difendevano chiudendo tutti gli spazi agli ospiti, pronti però, a colpire in contropiede. Sin dalle prime battute di gara, la squadra ospite imprimeva il proprio gioco e si rendeva subito pericolosa, dopo 60 secondi di gara con Ponzio il cui traversone colpiva il palo alla destra dell’estremo difensore locale.
Sfiorato il vantaggio, i ragazzi di mister Albino Saglimbeni continuavano nel loro pressing, costringendo la formazione letojannese nella propria trequarti. Il muro difensivo della Robur riusciva a contenere gli attacchi liminesi, quando la retroguardia veniva arginata ci pensava l’estremo difensore Corvaia ad intercettare i tentativi dei vari Crementi, deviando al 13’ un insidioso tiro rasoterra dell’attaccante liminese, al 18’ di piede salva su D’Alessanddro e al 30’ impediva all’ex bomber Marco Gullotta di rendersi pericoloso. Al 40’ il forcing del Limina veniva premiato da Gigi D’Alessandro che riusciva a mettere la sfera alle spalle del portiere locale Corvaia. Era soltanto un’illusione, in quanto il direttore di gara, annullava la rete realizzata dal centrocampista liminese per presunto fuorigioco. Si concludeva sul punteggio di parità, la prima frazione di gara, in cui il Limina nonostante il pallino del gioco non è riuscito a sbloccare il risultato, con i padroni di casa, solo in una circostanza si sono affacciati verso la porta difesa da Antonio Saglimbeni, grazie a un calcio piazzato di Balastro, per il resto nulla di rilevante.
Nella ripresa il tema tattico della gara rispecchiava quello dei primi 45’, con il Limina proiettato in avanti e la Robur chiusa in difesa. Unica variante,il doppio cambio effettuato dal mister Albino Saglimbeni che lasciava negli spogliatoi Gullotta e Ponzio inserendo Costa e Franchina. Con i nuovi innesti, il gioco del Limina diventava più fluido, i minuti scorrevano senza riuscire a sbloccare il risultato. Al 65’ la Robur si rendeva pericolosa, in un’azione di contropiede con il giovane Moschella, che impegnava l’attento portiere ospite Saglimbene che deviava in corner. Al 76’, la svolta della partita con il vantaggio del Limina. Traversone dalla destra dell’attaccante liminese Thomas Crementi, la sfera sembrava facile preda del portiere Corvaia, che nell’azione scivolava cadendo per terra, la palla arrivava al neo entrato Franchina che di testa metteva in rete per il vantaggio del Limina.
Subita la rete, la Robur tentava una timida reazione, la poca convinzione e i limiti tecnici, non riusciva ad impensierire l’attenta retroguardia liminese guidata dall’esperto Pasquale Filiciotto. Una vittoria importante per il Limina, non solo per i tre punti, ma che fa morale in vista del derby con lo Sportinsieme (in programma domenica prossima a Limina), dove entrambe le formazioni si giocheranno un pezzo di stagione, ma soprattutto, rimanere agganciati alla capolista Ghibellina.
Per la Robur una pesante sconfitta, anche se non era questa la gara per far punti, la cui posizione in classifica si è fatta veramente delicata, dopo l’aggancio del fanalino di coda Giardini.
TABELLINO
ROBUR 0 LIMINA 1
MARCATORI: 76’ Franchina. ROBUR: Corvaia, Currenti (55’ Brugarello), Valastro, Raneri, Camarda, Barca, Crimi, Bucalo (15’ Intilisano), Marino (82’ Smiroldo), Garufi, Moschella. LIMINA: Saglimbeni, Pistone, Ciatto, Risiglione, Pedale, Filiciotto, Ponzio (46’ Franchina), D’Alessandro, Gullotta (46’ Costa), Filosa, Crementi. ARBITRO: Iapichino di Siracusa.