Sandro Morgana, rieletto all’unanimità Presidente della Figc Siciliana.

Caltanisetta – Oltre settecentocinquanta delegati presenti, un eccellente parquet di autorità politiche che si sono succedute al microfono, una autentica ovazione collettiva quando è stato il momento di esprimere il voto per acclamazione in base al disposto dell’articolo 10 dello Statuto Federale; in un clima insomma di massima coesione e di grande entusiasmo, l’affollata assemblea delle società siciliane ha rieletto Sandro Morgana presidente del comitato regionale per il già corrente, nuovo quadriennio olimpico. Va ricordato in proposito che il massimo esponente del calcio isolano era in carica dal 9 settembre 2007, succedendo a Gianfranco Provenzano, ieri presente in prima fila insieme all’altro presidente d’onore del comitato, Filippo Lentini. Nei loro interventi, politici (il deputato nazionale Alessandro Pagano, l’assessore regionale Gentile, gli assessori comunali Cutaia e Iacono) e sportivi (il vicepresidente vicario della Lega, Mambelli, ed il presidente regionale del Coni, Costa), operando un bilancio sui primi diciassette mesi della gestione Morgana, hanno espresso giudizi altamente positivi, indicando in particolare nella grande ed omogenea organizzazione interna del comitato la chiave di volta di un successo peraltro apprezzato all’unanimità fra le società. All’insegna del proprio motto ‘Uniti per continuare a costruire un grande futuro’, Sandro Morgana nel proprio intervento ha quindi ripercorso i vari momenti della propria gestione, peraltro agganciandola alla preziosa esperienza maturata nell’ultimo quadriennio anche da vicepresidente nazionale. “Una carica – ha detto – che lascio con grande rimpianto perchè mi ha entusiasmato; mi ha fatto conoscere la tematica dei problemi proposti nelle varie regioni e mi ha fatto vivere dal di dentro momenti esaltanti (come appunto il varo del nuovo Statuto) e meno felici (Calciopoli su tutti), quindi mi ha permesso di studiare e stimolare gli obiettivi primari della Dilettanti, come il varo della Politica dei servizi, l’abolizione delle imposte sulla cartellonistica, la campagna per l’assegnazione alla Lnd del cinque per mille sulle imposte, l’altra per l’assegnazione del 5% dei diritti televisivi, il progetto Lottomatica/Bar dello Sport, quindi il sogno della assegnazione della domenica al calcio dilettanti”. Soffermandosi quindi sulle tematiche tipiche della Sicilia, Morgana ha indicato nell’impiantistica sportiva (come noto, è stata stipulata una convenzione con l’Istituto per il Credito Sportivo del Coni per la concessione di mutui per complessivi 16 milioni di euro agli enti proprietari degli stadi dell’isola, per la loro messa a norma), nella questione finanziaria (azzerati i contributi da parte degli enti locali) e nella lotta alla violenza le linee guida che hanno contraddistinto e lo faranno anche nel futuro la propria gestione. L’assemblea ha infine rieletto il Direttivo regionale, così composto: Santino Lo Presti, Lillo D’Alberti (new entry), Mario Fontanazza, Ludovico La Grutta, Giuseppe Rossi, Giuseppe Serio, Mario Tamà, Giovanni Valenti e Corrado Valvo componenti. Eletti per acclamazione anche Silvio Bevilacqua, al vertice della delegazione calcio a cinque, e Giuseppe Mistretta, a quello del calcio girl.