Il Giardini si gioca la salvezza nell’insidiosa trasferta con il Victoria.

GIARDINI – Sono, ormai, per il Naxos, le ultime carte che restano da giocare a sole tre giornate dal termine del Campionato (Prima categoria, Girone D). C’è di mezzo, infatti, la retrocessione diretta, perché gli scontri dei play out non possono essere più evitati: troppa la distanza che lo divide dalla terz’ ultima in classifica, la formazione messinese del Riviera dello Stretto. Ecco perché la squadra del presidente Tanino Brunetto dovrà, domenica prossima, giocarsi necessariamente il jolly, nella gara esterna contro il Victoria di Francavilla, anch’esso impelagato nell’infuocata battaglia degli spareggi che si disputeranno per l’individuazione della seconda compagine (l’ultima, infatti, andrà direttamente in Seconda categoria) da declassare. Sarà, in pratica un «tete à tete» con la Robur di Letojanni, attuale fanalino di coda (un punto la divide, infatti, dall’undici del tecnico Santagati).
Due complessi che, nel turno scorso, hanno fatto registrare entrambe un’impennata, imponendosi i giardinesi sull’Itala (3 a 2) e il team del presidente Carmelo Laganà fuori dalle mura amiche sulla Mediterranea Nizza (1 a 2).
«Tenteremo il tutto per tutto per evitare la retrocessione diretta – ha dichiarato il massimo rappresentante del complesso naxiota – giocandoci, poi, la sospirata salvezza nel previsto quadrangolare fra le ultime squadre classificate. Non sarà facile, perché, a parte il Victoria, ci aspettano avversari del calibro di Sportinsieme e Solicchiata, in corsa entrambe per la disputa dei play off. Comunque, i nostri giocheranno con la forza della disperazione – conclude Brunetto – e chissà se non saremo in grado di spuntarla». La speranza, infatti, è l’ultima a morire…