Taormina scelta come sede delle finali nazionali Allievi e Giovanissimi .

Giugno sarà un mese di febbrile attività per il calcio siciliano. Quasi un pirotecnico finale di una stagione che ha visto le società isolane impegnate particolarmente sul piano tecnico e agonistico, anche alla luce dei rinnovati limiti di età che indubbiamente hanno favorito principalmente i club dei centri meno popolati. Un particolare impulso in proposito ha ricevuto la Terza categoria che, scaricatasi d’addosso ogni limitazione anagrafica degli atleti, è rifiorita per numero di squadre e per l’interesse di schierare anche formazioni autarchiche. Ma giugno, come detto, propone notevoli appuntamenti. Intanto il comitato regionale della Dilettanti lavora per l’allestimento di due grandi eventi: le finali nazionali dei campionati giovanili per rappresentative e per club, quindi la presenza del presidente nazionale della Dilettanti, Carlo Tavecchio. «Le finali giovanili per le trentotto rappresentative Allievi e Giovanissimi delle varie regioni d’Italia, nell’ultima decade di giugno ( dal 20 al 29), rientrano nel contesto del rilancio della sicilianità per il quale ci battiamo con forza – asserisce Sandro Morgana, presidente della Dilettanti regionale”.                                           E’ prevista la presenza di millecinquecento atleti, non meno di millecinquecento familiari, nonchè di non meno di duecento fra addetti ai lavori ed osservatori: insomma una popolazione di 3.200 fra protagonisti e… dintorni darà vita a questa grande passerella nazionale del calcio giovanile. “Organizzeremo le finali nazionali del torneo fra le trentotto rappresentative regionali Allievi e Giovanissimi, nonchè le finali nazionali per le squadre di club delle stesse categorie relative alla Lega Professionisti (I e II Divisione, ex C1 e C2), nonchè quelle della Lega dilettanti. – precisa Sandro Morgana, Presidente Regionale della Figc – Sarà un evento quanto mai impegnativo per noi, in quanto – a parte il numero dei partecipanti e la complessità del calendario della manifestazione – saremo sotto lo sguardo di tutta Italia e dunque dovremo riuscire a non lasciare scontento nessuno” «Noi peraltro – prosegue Morgana – ci batteremo per difendere la leadership della scorsa stagione di campioni nazionali Allievi e di quello platonico di vicecampioni d’Italia Giovanissimi.  Gli stadi prescelti sono quelli di Acicatena, Acireale, Aci Sant’Antonio, Adrano, Belpasso, Castiglione, Giarre, Nicolosi, Paternò, Pedara, Taormina e Trecastagni. Le finali, essendo prevista la disponibilità di quattro spogliatoi per le squadre, in teoria si faranno a Aci Sant’Antonio, Pedara e Taormina. Le finali della Lega Professionisti e di quella Dilettanti potranno disputarsi su campi in erba naturale, quelle delle rappresentative anche su terreni in sintetico «Noi peraltro – prosegue Morgana – ci batteremo per difendere la leadership della scorsa stagione di campioni nazionali Allievi e di quello platonico di vicecampioni d’Italia Giovanissimi.