Seconda Categoria: molte società con un nuovo mister.

C’è fermento, in questo periodo, tra le squadre dilettantistiche di calcio della riviera jonica, in quanto sono in atto le iscrizioni ai vari tornei e il rafforzamento delle formazioni. Nel prossimo torneo di Seconda Categoria, i vari sodalizi jonici hanno cambiato parecchi allenatori. Il S. Alessio, pur avendo raggiunto i playoff, ha dato il benservito a Giuseppe Mancuso, sostituendolo con Nino Spadaro. Il Giardini – dopo la retrocessione dalla Prima Categoria – ha rescisso il rapporto con Pippo Vitale, affidandosi a Roberto Merlino. Anche la Robur tenta il ritorno immediato in Prima, non più con Pippo Barca, ma con Giovanni Ruggeri, fresco del patentino di allenatore. Il fatto più clamoroso è successo a Furci dove – dopo la conferma di Carmelo Fasolo, il tecnico della promozione – sulla panchina si ritrova Francesco Carpillo (altro nuovo mister abilitato), perché Fasolo – non godendo di piena fiducia – ha preferito lasciare. Le isole felice sono rappresentate da Antillese (riconferma per Guglielmo Mastroeni, dopo lo storico raggiungimento dei playoff), Atletico Roccamulera (Carmelo Campailla ha trascinato la squadra alla promozione) e Castelmola (Riccardo Cacciatore ha rinvigorito una formazione che stava perdendo la propria identità). Intanto, il Misserio – dopo avere sfiorato la promozione ai playoff – rischia la scomparsa, in quanto il presidente Tanino Maggioloti, lasciato sempre più solo, è sul punto di dire basta.