Taormina e Trappitello: derby per il Bacigalupo.

Taormina – Che sarà una “stracittadina” tutta da vedere e da gustare non ci sono dubbi. Che sarà un gran derby, in campionato, che richiamerà il grande pubblico, è scontato. E già ci sono state le prime, piccole “scintille” o, se preferite, piccoli equivoci, però, subito chiariti e tutto è tornato alla normalità. Taormina e Trappitello hanno superato i primi “malintesi” e, per il momento, va tutto bene.

Riepilogo. Nei giorni scorsi, la Lega Sicula ha diramato l’elenco dei terreni di gioco dove disputeranno le gare interne le squadre di Eccellenza e Promozione. Tra le messinesi a non aver comunicato il proprio impianto c’è il Trappitello (oltre a Spadaforese e Ghibellina). Si è vociferato che il neopromosso Trappitello avrebbe potuto anche trasferisi a Giardini. Niente di più falso, ovviamente.

Il Taormina ha la convenzione con l’Amministrazione comunale per la gestione dello stadio “Bacigalupo”, ma, ciò non significa che lo stadio è di esclusiva pertinenza del Taormina calcio. I due presidenti Giovanni Zuccala’ (del Taormina) e Felice Munafo’ (del Trappitello, subentrato al dimissionario Salvatore Ferrara) si sono incontrati e hanno chiarito alcuni aspetti. Ci sono stati, tuttavia, piccoli problemi al primo giorno di allenamento delle due squadre, poi, le piccole “divergenze” sono state chiarite.
Cosi, al momento, il Trappitello di Tonino Turiano si allena dalle ore 16 alle 18, il Taormina di Maurizio Musumeci dalle 18 alle 20. In inverno, si vedrà, e le due società dovranno trovare nuovi orari.
Di sicuro, comunque, il Trappitello (che, nel proprio organico, ha ben dieci giocatori taorminesi e purosangue locali) giocherà al “Bacigalupo” di Taormina (come è giusto e legittimo che sia) i propri match casalinghi. Scongiurato l’ipotetico trasferimento a Giardini.