Cinquina esterna dello Scommettendo al RussoCalcio.

Una Russocalcio timida e rinunciataria si arrende allo strapotere della capolista e affonda sotto i colpi di Magrì, Pappalardo e Manuli. Già dalla disposizione in campo della squadra, si capisce che la Russocalcio, decide di affrontare la gara con il principale obiettivo di difendersi. I cinque difensori schierati da mister Di Bella se da un lato hanno lo scopo di rinforzare la difesa, dall’ altro permettono agli ospiti di mantenersi in zona d’attacco. Gli esterni difensivi dei biancoazzurri, troppo impegnati a contenere lo strapotere degli avanti dello Scommettendo, non riescono quasi mai a proporsi in zona offensiva e praticamente per quasi tutti i novanta minuti si assiste al monologo degli ospiti, che non faticano più di tanto nel proporre le loro azioni offensive. La Russocalcio per la verità cerca di rispondere alle offensive della capolista e nella prima frazione l’unica punta Puglisi, ha sui piedi l’occasionissima alla fine del primo tempo ma calcia alto sulla traversa.
La gara parte subito con la capolista che fa intendere quale sarà l’andamento della partita e infatti dopo appena 30 secondi si registra il tiro di Ingo che raccoglie un cross dalla destra e calcia di poco alto sulla traversa. Al 10° punizione per la   Russocalcio con il rientrante  Sapienza che sfiora il montante della porta difesa da Lombardo. La Russocalcio sembra viva e al 12° si registra un’ occasione sugli sviluppi  di un angolo velenoso di Sapienza che mette in difficolta il portiere ospite. La realtà è diversa, infatti al 22°, a seguito di una punizione di Ragusa, si registra prima la parata di W. Contarino che compie un miracolo, sulla susseguente respinta la sfera viene raccolta da Magrì che insacca.
La reazione della Russocalcio non c’è, e al 28° arriva il raddoppio. Cross dalla fascia sinistra, respinta della difesa, raccoglie Bongiorno e lascia partire un gran tiro che si insacca alle spalle dell’ incolpevole W. Contarino. Neanche il raddoppio degli ospiti convince mister Di Bella a modificare l’assetto della squadra, la Russocalcio continua quindi a cercare di non prenderle. Nel finale della prima frazione si registrano un paio di tentativi dei padroni di casa: al 40° il sig. Di Guardo di Catania nega un rigore alla Russocalcio per netto fallo di mani di Sardo in area. Un minuto dopo grande occasione per i padroni di casa sprecata dal pur bravo N. Puglisi che su cross dalla destra, all’ altezza dell’ area piccola calcia incredibilmente alto sulla traversa.
Nella ripresa la Scommettendo è sempre pericolosa, e pur non spingendo sull’acceleratore si mantiene costantemente nella metà campo della Russocalcio. Quando la Russocalcio prova a spingersi in avanti giunge puntuale il contropiede degli ospiti che con  Magrì appena dentro l’ area costringe W. Contarino alla deviazione in angolo. Al 57°  Petrella ci prova dal limite e sfiora la traversa. Al 62° gli ospiti chiudono definitivamente una partita che aperta non lo è stata mai: azione manovrata con cross che viene deviato da un difensore locale, raccoglie il neoentrato S. Contarino che stoppa di petto e calcia un gran tiro che vale il 3 a 0. Al 64° N. Puglisi lanciato a rete viene inspiegabilmente fermato dall’ arbitro che ravvisa un fallo dei locali a centrocampo. Al 71° contropiede micidiale degli ospiti che con Manuli fanno poker. All’ 80° gran tiro da fuori di Pappalardo che segna un eurogol con palla che termina nel sette.
Finisce con un goleada per la capolista che si avvia a conquistare una meritatissima promozione in prima categoria e con la Russocalcio che adesso dovrà cercare di reagire nella difficile trasferta di Fondachelli per mantenersi in zona play-off.

RUSSOCALCIO-SCOMMETTENDO 0-5
Reti: 22’ Magrì, 28’ Bongiorno, 62’  Contarino, 71’ Manuli, 80’ Pappalardo
RUSSOCALCIO:Contarino W., Strano, Leotta (dal 87° Rapisarda S.), Bartolotto, Scuto A.,  Gravagna, Petrella, Barbarino, Puglisi N.( dal 76° Rapisarda E.), Sapienza (dal 76° Furnari), Contarino G.
All. Di Bella Fabio
SCOMMETTENDO:Lombardo, Bongiorno, Vaglianesi, Lupino ( dal 69° Nobile),Sardo, D’Antoni, Magrì ( dal 61° Manuli), Pappalardo, Ingo, Ragusa, Luvarà  ( dal 57° Contarino S.)  All. Tomaselli Giacomo.
Arbitro: Di Guardo Giovanni di Catania
Note: Cielo coperto, campo in discrete condizioni. Spettatori 50 circa.