La Granitese batte (1-0) il Ciumaredda e si laurea “Campione D’Inverno”

Un calcio di rigore al 46’ del primo  tempo decide lo scontro di vertice tra la capolista Calcio Granitese e il Ciumaredda. Ad aggiudicarsi l’intera posta in palio i padroni di casa, grazie alla trasformazione dagli undici metri del capitano Gabriele Pagano che regala alla propria squadra il primato solitario in classifica e il titolo di “Campione d’Inverno”.
Al di là dell’episodio del calcio di rigore la gara non ha offerto particolare emozioni, poche le azioni degne di nota con le due formazioni  bloccate a centrocampo, con le due retroguardie a fare buona guardia a non farsi sorprendere dai reparti offensivi. Iniziano i padroni di casa subito in avanti con i vari Arati, Pagano e Salvatore Brunetto, nonostante il pallino del gioco non riescono ad impensierire il reparto difensivo dei santateresini che dopo 20’ di gara devono rinunciare al difensore Salvatore Trimarchi infortunatosi in seguito ad uno scontro di gioco con un attaccante locale, al suo posto mister Peppe Ciatto manda nella mischia il fantasista Ezio Lo Giudice.
Una gara bloccata nella zona nevralgica del campo, il primo vero tiro in porta al 40’ grazie ad un’iniziativa personale del capocannoniere del torneo, Salvatore Brunetto che dal limite prova a sorprendere Rosani, ma la conclusione passa lontano dalla porta ospite. Quando ormai si aspettava il fischio finale della prima frazione di gara, l’episodio che poi sancirà il risultato finale: il calcio di rigore in favore della capolista. Disimpegno non perfetto della retroguardia ospite, abile Falcone ad intercettare il rinvio, appena in area viene messo giù da un difensore santateresino con l’arbitro che indicava il dischetto di rigore. Dagli undici metri si presentava il capitano Gabriele Pagano che mandava la sfera ad insaccarsi alle spalle di Rosani.
Nella ripresa si aspettava la reazione dei ragazzi di mister Ciatto che non arrivava con una formazione priva di idee, sterile in fase offensiva costretta a giocare gli ultimi 20’ di gara in inferiorità numerica per l’espulsione del neo entrato Salvatore Manganaro. I padroni di casa forti del vantaggio agiscono di rimessa procurandosi due calci di punizione dal limite al 50’ per fallo su Falcone e al 67’ con Arati,  in entrambe le circostanze non è successo nulla di particolare. Al 51’ mossa tattica di Ciatto in contemporanea richiama in panchina Mondello, Enrico Santoro e Claudio Spadaro, al loro posto Onofrio Santoro, Sturiale e Paolo Spadaro. Cambiando modulo tattico, non porta i benefici sperati dall’allenatore santateresino con il Ciumaredda incapace di costruire una manovra offensiva degna di nota.
Nell’arco dei 90’ minuti solo un tiro è stato indirizzato verso la porta di Corvaia, nel finale di gara  da parte di un difensore Fleri, per il resto buio totale. Senza tiri in porta, certamente non si possono vincere le gare, al di là della prestazione opaca dell’intera squadra. Per quanto riguarda il Calcio Granitese, pur non giocando ad alti livelli, si è dimostrata una squadra ben organizzata con giocatori di esperienza (su tutti Mario Russo) che alla fine hanno f atto pendere la bilancia in proprio favore, conquistando l’intera posta in palio.
Calcio Granitese   1   Ciumaredda  0
Marcatori: 46’ G. Pagano su rigore.
Calcio Granitese: Corvaia, Savoca, Russo, Arena, A. Brunetto, Mannino, M. Lo Giudice, Arati (90’Carbone), S. Brunetto, Falcone ( 51’ M, Puglia), Pagano.
Ciumaredda: Rosani, Trimarchi (20’ E. Lo Giudice), F. Spadaro, D’Agostino, Fleri, Ragusa (62’ Manganaro), Mondello (51’ O. Santoro), Ferraro, Casablanca, E. Santoro (51’ Sturiale), C. Spadaro ( 51’ P. Spadaro). All. Ciatto.
Espulso: 70’ Manganaro.
Arbitro: Calapai di Messina.