Vittoria esterna della Robur sul campo della RussoCalcio.

Anche nella scorsa stagione si era rivelato nero il mese di gennaio per la Russocalcio, ma mai come quest’anno: nove reti subite e nessuna fatta, un disastro. Anche contro la Robur nessun punto raccolto per gli uomini di mister Di Bella, alle prese con una involuzione preoccupante e che non lascia ben sperare per il futuro. La Robur porta a casa tre punti meritati con il minimo sforzo e si rilancia verso la zona play-off.
Primo Tempo: La gara parte al 12’ con un malinteso tra Strano e W. Contarino con un retropassaggio del capitano della Russocalcio che frutta la rete del vantaggio ospite che deciderà l’incontro. La reazione dei ripostesi è blanda e nel primo tempo si registra al 25’ una conclusione di Falco dal limite che termina alta sopra la traversa. Agli ospiti il risultato sta bene così e i messinesi non faticano più di tanto a controllare le sortite della Russocalcio, peraltro sterile inconcludente e poco incisiva. Al 35’ occasione della Robur con Paratore che calcia un pallonetto diretto verso la porta di W. Contarino, interviene all’ ultimo istante A. Scuto che salva sulla linea di porta. Il primo tempo si chiude con gli ospiti giustamente avanti di un gol.
Secondo tempo:Nella ripresa ci si attende la reazione della Russocalcio che protesta al 50’ per un presunto fallo di mani di Lo Turco in area, ma l’arbitro non ravvisa il fallo. Al 62’ cross dalla destra di Petrella e testa di G. Scuto che sfiora il palo. Nel finale la gara si innervosisce a causa dell’ incapacità dei padroni di casa di rendersi pericolosi. Al 78’ Gravagna viene fermato dall’ arbitro per un presunto fallo su un difensore ospite. Il centrocampista della Russocalcio ha uno scatto di nervosismo e accenna una reazione sull’ avversario senza tuttavia colpirlo.
Il signor Ferrara di Catania estrae il cartellino rosso. La Russocalcio in dieci uomini si riversa disordinatamente nella metà campo della Robur offrendo il fianco al contropiede ospite. All’ 88’ Villari lanciato a rete viene fermato da Pennisi irregolarmente. L’ arbitro non ravvisa il fallo da ultimo uomo e grazia il centrale difensivo della Russocalcio. Al 93’ la Russocalcio in inferiorità numerica ci prova in maniera disordinata. Nel 3’ ed ultimo minuto di recupero l’ arbitro sancisce la fine delle ostilità fra le proteste dei locali che avrebbero voluto calciare l’ultima punizione dalla trequarti. La Robur vince meritatamente, per la Russocalcio è crisi nera.
RussoCalcio   0    Robur   1
Marcatore: 12’ autorete Strano
RussoCalcio:Contarino W., Strano, Scuto A., Gravagna, Bartolotto, Zappalà, Falco (46’Pennisi), Barbarino, Scuto, Petrella, Rapisarda E.(53 Puglisi N.).All. Di Bella Fabio
Robur: Saglimbeni, Intelisano, Lo Turco, Donato, Riccobene, Sturiale, Ucchino, Smiroldo, Paratore (87′ Villari), Prestia (65′ Currenti), Lo Re (79′ Cannavò). All. Giovanni Ruggeri.
Ammoniti: Scuto G., Scuto A., Falco, Pennisi.
Espulso: Gravagna (Russocalcio). Sturiale, Donato (Robur)
Arbitro: Ferrara Paolo Lorenzo di Catania
Note: Cielo coperto, campo in discrete condizioni. Spettatori 50 circa.