Punteggio tennistico della D. Gaggi (6-3) alla Roccese. Arbitro protagonista.

Punteggio tennistico ed ennesima sconfitta per la Roccese che in quel di Gaggi disputa forse la migliore gara esterna della stagione ma nulla può contro una ottima Desport ed un pessimo direttore di gara. Spesso si dice che sia facile scaricare le colpe dei propri demeriti sugli altri ma l’ennese Iannello è proprio da far paura. I padroni di casa sono forti da se per cui non avrebbero avuto bisogno dei regali dello scarso direttore di gara, impreparato sia atleticamente che tecnicamente.
Primo Tempo: Pensate che, dopo appena 7 minuti di giuoco, Luca Brunetto, con una caterva di metri di fuorigiuoco, almeno 10, si era fermato attendendo il fischio che non arriva e, a quel punto accetta il grazioso regalo e supera Barbaro. Lavoro ben fatto, strada spianata e viaggio inutile per una volenterosa Roccese. Il rammarico è tanto considerando che l’arbitro ci ha provato da subito non fischiando le occasioni da off-side e facendo capire, col suo immediato imbarazzo nel muoversi che non aveva metri nelle gambe mentre agli ospiti, naturalmente, il morale era sceso sotto i tacchi. Poi invece, al 17’ un eurogoal di Vaccaro segna il divario: dalla destra lungo spiovente col giovane, dalla parte opposta, che colpisce al volo. Al 34’ poi, è ancora il bomber Luca Brunetto che spedisce il terzo pallone in rete.
Secondo Tempo: Ad apertura di ripresa, la Roccese con Currò, 2’ minuto, rientra in partita: il cross di giordano trova la testa dell’attaccante che batte Adornetto. Gli ospiti prendono coraggio, stringono d’assedio la difesa di casa e mancano il goal con Giacobbe ma, nel momento migliore, un’incertezza di Barbaro, spezza loro le gambe: un lungo spiovente di Vaccaro dai 40 metri si insacca alle spalle del giovane estremo(59’).
La Roccese trova il modo di reagire ma tutto gira storto tant’è che il netto rigore concesso al 58’ viene battuto a lato da Currò mentre la conclusione due minuti dopo, viene deviata sulla traversa da Adornetto. Non sbaglia Nassi invece quando al 70’ viene per gentile concessione, dato il penalty ai padroni di casa. Al 80’ tocca a Giacobbo spedire in fondo al sacco una bordata dal limite. Altre due marcature in chiusura: al 89’ Nassi supera Barbaro mentre al 90’ Ragusa ribadisce in rete un tiro di Giordano respinto dalla traversa.
In chiusura va detto che la Roccese pur sonoramente sconfitta, non ha demeritato, che il Gaggi può ancora vincere il campionato e che certi direttori di gara inetti, è meglio che restino a casa.
Desport Gaggi    6   Roccese   3
Marcatori: 7’ e 34’ L. Brunetto, 17’ e 59’ Vaccaro,  47’ Currò, 70’ Nassi su rigore, 80’ Giacobbo, 89’ Nassi, 90’ Ragusa.
Desport Gaggi: Adornetto, Trimarchi ( 22’ Manitta A.), Andò, Mavilia (67’Raneri), S. Brunetto, Sgroi,G. Manitta, Cortese(70’Bonaccorso),L.  Brunetto, Nassi, Vaccaro. All. Cannata
Roccese: Barbaro, Filorimo, Zarzaca, Cannistrà, Spadaro, Squadrito, Alibrandi, Giordano, Piccione, Giacobbo, Currò.
Arbitro: Iannello (Enna)