Ridotta da otto a sei la squalifica a Giuseppe Santoro (Victoria).

Accolto parzialmente il ricorso della Polisportiva Victoria avverso la squalifica per otto gare al giocatore Giuseppe Santoro. La Commissione Disciplinare di Palermo, guidata da Mario Fiore ha ridotto a sei giornate la squalifica a Giuseppe Santoro, espulso in occasione della gara casalinga del  30 Gennaio 2010 contro il Pro Mende. 
Il giocatore della Pol. Victoria era stato squalificato dal Giudice Sportivo per otto gare per la seguente motivazione: “Per condotta scorretta; per avere spintonato l’arbitro, dopo l’espulsione; nonchè per avere, introdottosi indebitamente all’interno dello spogliatoio dello stesso, tentato di impedirgli di contattare le Forze dell’Ordine, dopo l’aggressione subita alla fine del 1° tempo.”
Contro tale decisione la Società della Polisportiva Victoria ha presentato appello secondo la quale “ritenuta eccessiva e sproporzionata in relazione ai fatti realmente accaduti e della quale se ne chiede la riduzione”. 
La Commissione Disciplinare  Territoriale, letti gli atti di gara osserva che “il comportamento tenuto dal calciatore Santoro Giuseppe è descritto dal Direttore di gara nel proprio referto in maniera precisa e puntuale. Considerato che la condotta tenuta dallo stesso non è conforme alla disposizioni regolamentari, nonché ai dettami di lealtà correttezza e sportività, anche per la qualifica di capitano della squadra; ritenuto tuttavia che in mancanza di conseguenze fisiche  di determinare la squalifica a carico del calciatore Santoro Giuseppe (Pol. Vittoria) per sei gare.”