Fiumefreddese da “Record” 20 vittorie su 20 gare.

Venti vittorie in altrettante gare, unica formazione italiana a punteggio pieno che non prende gol da sei partite. La Fiumefreddese si presenta al banco delle promosse per prima, conquistando con sei turni d’anticipo il salto in Promozione. La gioia esplode domenica pomeriggio al termine della gara di Biancavilla che ha visto la Cometa vittoria sulla seconda, l’Aci San Filippo, scivolata a 19 punti. Domenica prossima, contro lo Zafferana, ci sarà la grande festa anche se a questo punto sarebbe straordinario tentare l’en plein per riscrivere la storia.
L’ALLENATORE. Alessandro Di Maria, il tecnico etneo – supportato da Pino La Fornara – è senz’altro uno dei protagonisti. Il suo ritorno a Fiumefreddo (anni fa guidò con Salvo Pennisi il Fiumefreddo a un passo dall’Eccellenza) è stato straordinario. Emozioni speciali quelle vissute da un allenatore che fa del lavoro, dello spirito di sacrificio e dell’umiltà le chiavi del successo.
LA DIRIGENZA. Il presidente della Fiumefreddese, Salvatore Zingale, afferma: «Noi non vogliamo commettere l’errore del Fiumefreddo di qualche anno fa. Vogliamo radicarci sul territorio e valorizzare le risorse locali, cercando di progettare accuratamente i prossimi anni». Giuseppe Caudo, presidente onorario, ribadisce la validità del progetto allestito in questa estate: «Gruppo di giocatori straordinario che si è riuscito a integrare con i giocatori di Fiumefreddo. Certi traguardi non si ottengono per caso. La vittoria è della città perché il nostro record ha fatto il giro d’Italia».
IL CAPITANO.Salvatore Gagliardotto è il leader storico della Fiumefreddese: «Abbiamo cominciato il campionato con l’obiettivo di fare bene, ma non pensavamo di raggiungere questi straordinari risultati. Giochiamo per divertirci. È questa la chiave di questo risultato straordinario che non ha eguali in Italia. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo».