Salvatore Principato allo stage tecnico dell’Inter.

Continua l’evoluzione professionale del santateresino Salvatore Principato, insegnante di educazione fisica e allenatore di formazioni giovanili nel settore del calcio. Una crescita tecnica essenziale per chi vuole praticare la professione di “allenatore” soprattutto nel settore giovanile, occorre avere una adeguata e specialistica preparazione da trasmettere alle nuove leve calcistiche. Nel suo percorso di maturazione di allenatore, Salvatore Principato, lo scorso marzo ha partecipato ad uno stage tecnico di aggiornamento tenutosi a Milano, presso il centro sportivo “Giacinto Facchetti” organizzato dai Centri di Formazione Inter (Cdf): una tappa importante per quanti, allenatori, istruttori ed appassionati di calcio volessero arricchire le proprie conoscenze calcistiche. In precedenza il giovane tecnico santateresino con laurea specialistica in scienza  e tecnica dello sport conseguita presso l’Università Tor Vergata di Roma, nel giugno 2009 ha superato brillantemente il Corso  Top di III livello presso la Juventus University di Torino. Nel suo curriculum di preparazione tecnica la partecipazione nel dicembre 2009   ad uno stage organizzato dai Centri di Formazione Inter (Cdf) in collaborazione con la rivista specializzata “Il Nuovo Calcio” un progetto nazionale di  elevata qualità strutturale tecnico organizzativa, avente come tema “Sviluppo dei fondamentali e consolidamento delle capacità coordinative nel calcio”.
Lo scorso 22 marzo, alla giornata di formazione organizzata dall’Inter in collaborazione con la  rivista specializzata “Il Nuovo Calcio” era presente anche il tecnico santateresino Salvatore Principato, ex allenatore delle giovanili dell’FC MESSINA. Dopo il saluto di Roberto Samaden, Responsabile Tecnico del Settore Giovanile dell’Inter, si è potuto assistere sul campo ad una seduta d’allenamento, con i giovani tesserati della società del presidente Moratti, coordinata da Giuliano Rusca, Responsabile Tecnico dell’Attività di Base.
Sono intervenuti inoltre gli allenatori delle categorie Scuola Calcio ed i preparatori dei portieri Manuel Amoroso ed il “giaguaro” Luciano Castellini, che ha deliziato tutti i presenti con delle proposte tecniche altamente spettacolari nel corso delle quali i giovani portieri interisti hanno dimostrato grandi doti.Anche in questa occasione – ci ha detto il professore Principato –  è stato possibile approfondire alcuni principi metodologici e tecnici interessanti dei quali, ognuno di noi vorrà sicuramente tenerne presente l’impostazione per i futuri impegni professionali.
Avendo inoltre preso parte in passato ai tre livelli di corso di Juventus University – continua il giovane tecnico santateresino – facendo un parallelo tra le due realtà e quindi tra le loro metodologie di lavoro, ho notato come ormai sin da “piccolissimi”, in entrambe le società, i giovani calciatori vengano allenati attraverso delle proposte didattiche che vertono principalmente sulla tecnica individuale ma approfondita attraverso delle proposte situazionali.Le indicazioni tratte da questo stage, per quanto mi riguarda, sono state tante – conclude Salvo Principato – ora spero nella prossima stagione di poterne tenere conto in sede di programmazione degli allenamenti della mia prossima squadra.”
All’appuntamento del 22 marzo al centro sportivo “Giacinto Facchetti” di Milano, era presente un altro santateresino: l’entusiasta Carmelo Di Bella –  affascinato da questa nuova esperienza altamente formativa per chi vuole intraprendere un percorso ed insegnare e far maturare la crescita tecnica di un giovane calciatore.
Carmelo Di Bella, contagiato dalla passione di Salvo Principato, lo scorso dicembre aveva preso parte al primo stage – sempre organizzato dal Centro di Formazioni dell’Inter – come corsista.