Antillese – Robur: la vincente vola in Prima Categoria.

Match ball per Antillese e Robur nella finale playoff per la promozione in Prima Categoria in programma domenica sul campo di Antillo.  Tutta la stagione in 90 minuti, una occasione irripetibile. Per l’Antillese del presidente-allenatore Guglielmo Mastroeni sarebbe la prima volta in assoluto, per la Robur del presidente Carmelo Laganà un ritorno dopo la retrocessione dell’anno scorso.
La filosofia delle due società è speculare. Valorizzazione del vivaio e soprattutto degli elementi locali. Ma se l’Antillese può dire con orgoglio che praticamente tutti i calciatori sono cresciuti nel vivaio (compreso il mister), la squadra ha aumentato il suo valore con l’innesto di Marvin Costa, un lusso per la categoria, che quest’anno ha fatto veramente la differenza; la Robur ha invece chiamato a raccolta tutti i calciatori letojannesi liberi da impegni nelle squadre della riviera, affidando la panchina a due furcesi doc come Gianni Ruggeri ed il suo vice Melo Fasolo, mentre in campo ci sono altri tre “stranieri” di peso quali Ucchino e Prestia (entrambi di Furci) ed il portiere Saglimbeni (“saracinesca” originaria di Limina).
Inoltre c’è un grande ex: Paratore, fino a qualche anno fa leader dell’Antillese, che certamente vorrà prendersi qualche rivincita.Tanti i motivi di interesse, dunque, per questo match molto atteso per cui al campo “Carmelo Smiroldo” di Antillo si prevede il pienone delle grandi occasioni.