Il Città di Rometta vince a tavolino la gara contro il Filicudi. Punita la Società del Pompei.

Il Città di Rometta vince il ricorso presentato contro la Società del Filicudi relativa alla gara di recupero del 25 Aprile, terminata sul risultato di 1-1. La dirigenza romettese nel ricorso presentato faceva riferimento alla posizione irregolare di Sciacchitano Eugenio – assistente di parte –  e del giocatore Amato Patrizio (classe 1978). Dagli atti ufficiali il Giudice Sportivo ha potuto accertare che “Sciacchitano Eugenio, così come risulta dal C.U. n. 62 del 14/4/2010 è stato inibito fino al 10/5/2010 e che il Sig. Amato Patrizio, così come da C.U. n. 53 del 10/3/2010, risulta essere stato squalificato per 6 turni, e di questi ne ha scontati cinque”.
Oltre al reclamo presentato dalla Città di Rometta, il Giudice dott. Quartarone ha preso in considerazione anche il supplemento di referto con cui il direttore di gara denuncia il contegno minaccioso sorretto da atteggiamenti provocatori da parte del tesserato Restuccia Leonardo, capitano della squadra del Filicudi e la condotta, anch’essa minacciosa, posta in essere dal dirigente accompagnatore della suddetta Società, Sig. D’Agostino Roberto”. Per tali motivazioni delibera:
–   di assegnare la perdita della gara per 0-3 alla Società Filicudi;
–   di infliggere l’ammenda di € 100,00 con diffida alla Società Filicudi per responsabilità oggettiva relativa ai comportamenti in premessa descritti;
–   di inibire fino al 31/05/2010 il Sig. Sciacchitano Eugenio della Società Filicudi;
–   di inibire sino al 31/05/2010 il Sig. D’Agostino Roberto, dirigente accompagnatore della Società Filicudi, per contegno minaccioso nei confronti dell’Arbitro.
–   di squalificare per una gara effettiva il Sig. Amato Patrizio della Società Filicudi;
–   di squalificare per tre gare effettive il Sig. Restuccia Leonardo della Società Filicudi, per contegno minaccioso nei confronti dell’Arbitro”
Per quanto riguarda altri provvedimenti nel mirino la gara Malfa – Pompei del 25 Aprile 2010. Dal supplemento di gara presentato dall’arbitro nel quale” denuncia una serie di comportamenti violenti posti in essere da dirigenti e tesserati della Società Pompei, durante e dopo l’incontro. Alcuni dei fatti denunciati sono stati consumati negli spogliatoi, lasciati incustoditi”. Per tali motivi delibera:
.   di infliggere l’ammenda di € 50,00 alla Società Malfa per non aver compiutamente custoditi gli spogliatoi;
–   di infliggere l’ammenda di € 150,00 alla Società Pompei perché responsabile oggettivamente dell’operato dei propri tesserati;
–   di inibire fino al 30/09/2010 Tuttobene Roberto dirigente della Società Pompei, per aver aggredito verbalmente, a fine gara, unitamente alla maggior parte dei suoi giocatori, l’Arbitro, minacciandolo;
–   di squalificare fino al 31/05/2012  Gugliemo Fabrizio della Società Pompei, per contegno minaccioso e con reiterato comportamento violento, a fine gara, colpito con uno sputo al viso l’Arbitro e per essersi introdotto negli spogliatoi di questi, sottraendogli indumenti ed oggetti, molti dei quali rinvenuti, successivamente, in un burrone. Per quanto riguarda i giocatori espulsi dal terreno di gioco:
Squalifica per UNA GARA
La Spina Giorgio (Contesse)
Squalifica per TRE GARE (2+1)
Stancampiano Francesco (Pompei) “Per contegno offensivo nei confronti dell’Arbitro e per recidiva in ammonizione – IV infrazione (1 gara effettiva).
Squalifica per una gara per recidiva in ammonizione (IV infrazione)
Chillemi Gianluca (Città di Rometta)
Taranto Alessio (Malfa)
Ammonizione con diffida (III infrazione)
Fonti Giuseppe (Filicudi)
Tuttobene Giacomo (Pompei)
Pirera Cristian (Malfa)