Respinto il ricorso della Social Romettese .

La Commissione Disciplinare Territoriale ha respinto il ricorso presentato dalla Società della Social Romettese avverso l’inibizione dei due dirigenti Paolo Saija e Giovanni Occhipinti e i giocatori Giuseppe Dragà e Antonino Saija, riguardo la gara di campionato del 18 Aprile contro lo Zafferia. La dirigenza romettese ha presentato ricorso avverso i provvedimenti del Giudice Sportivo di primo grado “perché frutto di un referto arbitrale omissivo e lacunoso e non veritiero sull’esatto svolgimento della gara e ne chiede una riduzione delle squalifiche”.
Il Giudice Sportivo di primo esame aveva squalificato fino al 31 Dicembre 2010 il dirigente Paolo Saija “Per contegno offensivo, minaccioso ed aggressivo nei confronti dell’Arbitro e per averlo strattonato violentemente, afferrandolo dal pantaloncino, provocandogli lieve dolore”. Fino al 31 Maggio 2010 il dirigente Giovanni Occhipinti “ Per contegno offensivo, minaccioso ed aggressivo nei confronti dell’Arbitro, a fine gara”. Riguardo i due  giocatori sono stati squalificati fino al  31 Maggio 2010 i giocatori Saija Antonino e Dragà Giuseppe “ Per contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell’Arbitro e per avergli impedito il celere rientro nello spogliatoio, a fine gara”.
La Commissione Disciplinare Territoriale, letti i motivi del ricorso, esaminati gli atti ufficiali di gara e sentito il legale rappresentante della società all’udienza dibattimentale del 04/05/2010 osserva: “I provvedimenti in oggetto indicati giustamente adottati dal Giudice di primo esame trovano pieno riscontro su quanto scritto dal direttore di gara nel proprio referto e non sono meritevoli di alcuna riduzione” .
In seguito a tale decision il ricorso presentato dalla Società SSD Romettese non è stato accolto con la conseguente addebito della relativa tassa di € 130,00