Il furcese Ciccio Carpillo a scuola dal Calcio Catania.

Fresco di Promozione con il suo Furci in Prima Categoria – Ciccio Carpillo – alla sua prima esperienza da allenatore, un debutto vincente tanto da fare subito il salto di categoria: da un campionato dilettantistico a quello professionistico della Serie A. Dall’Asd Furci al Catania Calcio. Si!!. Proprio così. Il giovane tecnico furcese nei giorni scorsi ha trascorso un’intera giornata  con lo staff tecnico e i giocatori della formazione etnea, assistendo insieme a Carmelo Cutroneo sul terreno di Massa Annunziata agli allenamenti della squadra. Una giornata di sport professionistico dove Ciccio Carpillo ha potuto  osservare da vicino i metodi adottati dai giocatori professionistici del Calcio Catania. Un’incontro che certamente aiuterà il giovane tecnico furcese nella sua crescita professionale come allenatore di calcio.
Ciccio una esperienza indescrivibile, ma allo stesso tempo utile per la tua crescita professionale? “E’ stata una giornata molto interessante sia dal punto di vita tecnico, che dal punto di vista umano, in quanto i giocatori e gli allenatori si sono dimostrati molto socievoli, compreso il presidente Pulvirenti e il Direttore generale Lo Monaco”.
Una giornata molto interessante? “La struttura di Massa Annunziata è rispetto al polo sportivo in costruzione un po’ limitata, ma non manca proprio niente, certo che seguire un allenamento con tanti giocatori professionistici è molto interessante, in quanto poi si cerca di riportare il tutto nelle nostre piccole categorie, naturalmente con i giusti equilibri”.
Durante l’allenamento chi ti ha colpito dei giocatori catanesi? “ Tra i giocatori, mentre lavoravano, mi hanno particolarmente colpito Maxi Lopez per la professionalità nello svolgere il lavoro atletico e Mascara per la sua personalità nelle partitelle”.
Hai carpito qualche segreto tattico da mister Mihailovic? “Ho notato una certa sintonia tra Mihailovic e Marcolin soprattutto il secondo sembra essere una persona molto calma ed equilibrata, alla fine dell’allenamento,  ci hanno dato diversi consigli sia a me che al preparatore atletico Andrea Palato.
Alla fine abbiamo ringraziato tutti, soprattutto Carmelo Cutroneo, che ci ha permesso di passare una splendida giornata”.