In corso di svolgimento la 41 edizione del Trofeo Sicilia: una miniolimpiade giovanile.

Dal 8 ottobre al 10 ottobre Palermo è la capitale dello sport giovanile con la 41 edizione del Trofeo Sicilia: la miniolimpiade dello sport giovanile siciliana organizzata dal Coni Sicilia insieme all’assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana.  Ieri sera a partire dalle ore 21.00 si è svolta la cerimonia d’apertura presso gli impianti sportivi del Cus Palermo di Via Altofonte. Tedoforo d’eccezione l’azzurra di atletica, la palermitana Simona La Mantia, argento nel triplo agli Europei di Barcellona, si è accesa la  fiamma che rimarrà accesa fino a domenica.
Un’edizione importante quella che è scatta ieri sera che si lascia alle spalle quarant’anni di storia scanditi da avvenimenti sportivi, che sono diventati parte integrante del tessuto culturale del nostro paese: evocati grazie al regista della cerimonia Valerio Picconi.  Da qui la scelta del titolo di questo 41° Trofeo Sicilia: «I nostri secondi quarant’anni». “L’idea è stata quella di salutare i 40 anni passati – spiega Picconi – attraverso il ricordo dei tre avvenimenti sportivi più importanti: La partita del secolo, che segna anche la nascita del Trofeo Sicilia, Italia/Germania, 4 a 3 Mondiali del Messico 1970. A metà di questo percorso, dopo 20 anni circa, i Mondiali di Schillaci, Italia ’90 e i Mondiali in Sud Africa, tre fasi evocate anche dalle loro rispettive colonne sonore”.
Poi, si  è entrato nel vivo con l’accensione del tripode, con l’ingresso dei cinque campioni isolani che hanno portato la bandiera olimpica e poi, via la sfilata nella nuova pista del Cus Palermo che è stata inaugurata per l’occasione, dai circa 2.000 atleti delle nove province siciliane che fino a domenica saranno impegnate in 14 discipline sportive: atletica leggera, nuoto, pallavolo, tennis, calcio a 5, ginnastica, pesi, danza sportiva, baseball, tiro con l’arco, pallacanestro, tennis tavolo, rugby.
I numeri: Dalla prima edizione a oggi, la manifestazione è cresciuta notevolmente e oggi può vantare numeri da evento internazionale:  9 province, 16 discipline sportive, 19 impianti sportivi, 1831 atleti, 193 arbitri, 288 tecnici, 112 dirigenti accompagnatori. Una mini Olimpiade, appunto, realizzata grazie a un’imponente macchina organizzativa, con uno staff di 307 persone, 44 medici e 22 ambulanze sul campo,  51 pullman, 766 medaglie assegnate, 6000 bottiglie d’acqua distribuite sui campi.
Massimo Costa – Presidente Coni Sicilia: Una manifestazione storica per il settore agonistico siciliano, ma non solo. “Questo Trofeo — racconta Massimo Costa, presidente del Coni siciliano — nacque nel 1967 per iniziativa di Pino Orlandi, a quel tempo delegato regionale del Coni e successivamente presidente del Comitato regionale. Sulla scorta del successo ottenuto, il Coni nazionale copiò la formula e diede vita ai Giochi della Gioventù”.
Ospiti d’eccezione: L’edizione numero 41, inoltre, avrà una serie di ospiti d’eccezione, Simona La Mantia, l’atleta palermitana specialista del salto triplo che ha conquistato l’argento agli Europei di Barcellona. I campioni americani del baseball: Marlon Browm, Nolan Coon, Zak Lee Farris, Jon Gasporre e Adam Ostergaard, che saranno seguiti dai tecnici cubani Sergio Ramirez e Marcos Fonsecas.
I saluti di Gianni Petrucci: Al Trofeo Sicilia sono arrivati anche i saluti del presidente nazionale del Coni, Gianni Petrucci: “Questa manifestazione rappresenta un vanto per l’intero movimento agonistico siciliano.  Un evento che non insegue solo il risultato, ma anche l’obiettivo dell’integrazione sociale”.