La Figc di Messina ci ha preso in giro: lettera aperta di un dirigente.

Domenica 17 Ottobre prende il via il campionato di Terza Categoria della Delegazione Provinciale di Messina  guidata dal Presidente Carmelo Alfieri. Sabato scorso una settimana prima dell’inizio dell’atteso campionato in una cerimonia nel palazzo della Figc di Messina – sono stati diramati i calendari dei due gironi di Terza Categoria. Ai nastri di partenza 33 squadre che sono state suddivise 15 nel Girone A e 18 Girone B lasciando allibiti diversi dirigenti di Società , soprattutto della fascia jonica messinese a cui era stato detto “ci sarà un girone tutto jonico”.
Delusione e rammarico per gran parte dei dirigenti che non hanno accettato di buon cuore la decisione intrapresa dalla Figc di Messina. In merito a ciò pubblichiamo una lettera, anzi uno sfogo da parte di un  dirigente di una squadra che prenderà parte al prossimo campionato di Terza categoria.  Abbiamo ritenuto opportuno pubblicare quanto ci è stato inviato non per fare polemica, ma è giusto in un mondo democratico ognuno possa  esprimere la propria opinione, assumendosi  ogni responsabiltà che ne deriva. Riportiamo integralmente il contenuto della lettera che ci è pervenuta in redazione da parte del dirigente Giovanni Di Bella.
“Spett.le Redazione,
come dirigente di una squadra che si appresta a partecipare al campionato di terza categoria, sono qui ad esternare, se me lo consentite, il mio “scetticismo” verso chi, da due anni a questa parte (e cioè da quando si è avuto un exploit di iscrizioni alla terza categoria), intende prendere in giro le squadre della fascia jonica. Come anche riportato dalla vostra testata giornalistica e come confermatomi in un precedente incontro con lo stesso presidente della Figc, mi era stata sostenuta l’idea di un girone composto tutto da squadre joniche, avendo avuto l’iscrizione di ben 15 equipe. Ma così purtroppo non è stato e non c’è stata neanche una minima spiegazione al perché di questa scelta.Altresì, mentre lo scorso campionato ci fu un sorteggio per inserire qualche squadra messinese nel girone jonico, quest’anno le selezioni sono state fatte, suppongo, “per amicizia interna”!!! Questo lungo girone, ahimè, porterà a ben 34 gare!!
Il tutto a discapito di noi povere compagini che, oltre ad aver avuto ingiustamente un aumento della tassa d’iscrizione, dovremo sobbarcarci molte più spese, tre turni infrasettimanali, gare da disputare in concomitanza di festività e senza poter rifiatare (ma i vertici della figc ne hanno famiglia con cui stare durante le stesse festività???), e, soprattutto, gravarci l’inesperienza di molti direttori di gara (e questo non è una novità!!), avendo la stessa Aia di Messina, data la “lungaggine” di questo campionato, pochi (e spesso giovani ed inesperti!) arbitri a disposizione.
Mi chiedo e pongo la stessa domanda agli stessi vertici della Figc, da cui spero tanto ottenga una risposta in merito: è giusto tutto questo, dato che per partecipare ad un semplice (sulla carta!!) campionato di terza categoria occorrono tante energie e risorse, soprattutto economiche?? Consentitemi adesso di rivolgermi direttamente a loro…Cari vertici, i discorsi che fate ogni inizio anno son sempre gli stessi e pieni di molte ipocrisie che servono solo a “farsi belli” davanti a noi dirigenti e presidenti!! Ma la realtà, mi duole dirlo, è ben diversa!! Dite che tutto il vostro compito lo fate senza essere remunerati, ma io, come i miei colleghi, non crediamo molto a queste falsità….Il detto dice che il parroco senza soldi non canta la messa, quindi non penso, anzi non pensiamo, che voi facciate tutto questo lavoro per “far del bene” alla Figc!! (dove vanno a finire i 66mila euro e più che avrete come introito durante questa stagione di terza categoria?!?)…
Caro direttore, innanzitutto mi scuso per lo sfogo e spero che questa mia comunicazione venga pubblicata ma, spero soprattutto, che qualcuno dei vertici risponda al più presto”.