Asd Mongiuffi Melia: “La Società non ha mai esonerato il Sig. Sebastiano Siligato e non ha intenzione di esonerarlo”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato  inviataci dal Presidente dell’Asd. Mongiuffi Melia, – Carmelo Santoro – compagine militante nel campionato di Terza Categoria – Girone B – del Comitato di Messina, riguardo a quanto riportato alcuni giorni orsono dagli organi di stampa in merito le dimissioni dell’allenatorre Sebastiano Siligato, indicando nella persona di Aldo Cacopardo il nuovo allenatore del Mongiuffi Melia.
A tal riguardo la Società dell’Asd Mongiuffi Melia, nella persona del Presidente – Carmelo Santoro –  ha voluto precisare il loro rapporto con il tecnico Sebastiano Siligato. Riportiamo integralmente il contenuto della missiva, come è giusto in una società democratica e libertà d’opinione, noi facciamo il nostro lavoro di appassionati di calcio, sperando di fare anche un “piacere” agli addetti ai lavori” giocatori, dirigenti e tifosi, credendo nella loro buona fede, anche perché noi non vogliamo entrare nelle diatribe societarie o creare pettegolezzi , usando le parole del Presidente Carmelo Santoro anche noi vogliamo “ un bellissimo campionato senza polemiche,ma solo all’insegna del bel calcio e dell’ amore per lo sport”.
Caro direttore, chi scrive è il Presidente della A.S.D. Mongiuffi Melia.
Con mio rammarico leggo delle dimissioni del Sig. Siligato Sebastiano, dimissioni mai pervenute a questa società. Questa società apprende delle dimissioni dagli organi di stampa, Ie posso confermarle che, sino alla data odierna, la società non ha mai esonerato il Sig. Siligato e non ha intenzione di esonerarlo. Posso garantirle che quanto scritto non corrisponde al vero.
Il Sig. Siligato, da tanto tempo, aveva chiesto al veterano della squadra nonchè socio e capitano Marcello Longo di affiancarlo ed aiutarlo sia nella composizione della squadra che nella gestione degli allenamenti; in seguito, la società, resasi conto che sia la preparazione atletica che le la scelte di schieramento dei giocatori, in occasione delle partite amichevoli, non permettevano alla squadra di esprimere al meglio il proprio potenziale tecnico ed atletico, ha richiesto al Sig, Siligato la disponibilità ad un affiancamento di un collaboratore con maggiore esperienza.
Pochi giorni addietro durante gli allenamenti, un dirigente della società, il Sig. D’Agostino Cateno ha proposto al Sig. Siligato il supporto del grande giocatore Aldo Cacopardo soprannominato Maradona; questa proposta ha entusiasmato il Sig. Siligato che ha contattato il Sig.Cacopardo, seduta stante, telefonicamente in accordo con il dirigente sopra citato. A questa telefonata sono seguiti diversi incontri tri-parti tra società, Sig. Siligato e Sig. Cacopardo che hanno portato alla collaborazione Siligato-Cacopardo.
L’unica cosa certa dell’articolo, cui segue questa mia replica, è che l’A.S.D. Mongiuffi Melia ha ottenuto delle vittorie in partite amichevoli con squadre di categorie superiori grazie alle qualità tecnico-atletiche della propria rosa di giocatori: il merito di tali successi va a loro che hanno dimostrato una forte coesione di gruppo ed una grande capacità di auto-gestione in campo proprio perchè si tratta di giocatori dalle spiccate qualità calcistiche.
Concludo questo mio intervento con una semplice considerazione:se è pur vero che c’è un gap tra esperti di calcio veri e propri e comuni appassionati, è anche vero che alcune scelte tecniche non hanno bisogno di grandi competenze specifiche; se un giocatore ha subito uno stop di alcuni mesi con una preparazione di soli due giorni non potrà affrontare i ’90 minuti di una partita e se un giocatore è mancino non troverà facilmente il ritmo di gioco essendo posizionato sulla destra.
Al di là delle considerazioni sulla gestione della preparazione e degli schieramenti del Sig.Siligato che fanno parte di rapporti interni e di natura non problematica come è stato riportato, mi auguro che le dichiarazioni fatte e le cronistorie riportate nell’articolo siano solo il frutto di spettacolarizzazione di un certo tipo di giornalismo, altrimenti ci sono tutti i presupposti per sentirmi profondamente amareggiato.
Colgo l’occasione per augurare a tutti noi militanti in terza categoria un bellissimo campionato senza polemiche,ma solo all’insegna del bel calcio e dell’ amore per lo sport.
Il Presidente Santoro