La Robur doma solo nel finale 1-0 la Maniacese: espulsi Agnone e Calì.

Il nuovo acquisto Franz Gagliano regala una inaspettata vittoria al Presidente Carmelo Laganà quando mancavamo poco o meno cinque minuti dal triplice fischio finale. Quando sembrava che ormai la partita era indirizzata alla divisione della posta, con i roburini in nove uomini per la doppia espulsione del centrocampista Gianpaolo Agnone al 70’ e del bomber Marco Calì all’85’, nessuno avrebbe scommesso in un successo finale.
Invece ci ha pensato il taorminese Franz Gagliano subentrato a Thomas Paratore siglare la rete della vittoria: sugli sviluppi di un calcio di punizione calciato dalla destra da Riccobene che mette al centro dove il  sgusciante Gagliano trova un buco nella retroguardia catanese ed manda la sfera nell’angolino basso del porta difesa dall’estremo difensore ospite Calanni facendo esplodere la tifoseria sugli spalti del Mario Lo Turco.
Gli ultimi minuti sono stati palpitanti con i ragazzi di mister Conti all’arrembaggio con la Robur in difesa del risultato fino al triplice fischio finale arrivato puntualmente dal direttor di gara dopo aver concesso ben 6 minuti di recupero. Una preziosa vittoria per la compagine del duo Fasolo-Ruggeri che proietta la Robur in una posizione di classifica medio-alta, la Maniacese esce sconfitta dal Comunale rimanendo nelle zone basse della classifica.
Robur    1    Maniacese   0
Marcatori: 85’ Gagliano.Robur: Saglimbeni A., Lo Turco, Agnone, Donato (46’ Suman), Riccobene, Raneri (42’ Intilisano), Ucchino, Saglimbeni F., Paratore (76’ Gagliano), Calì, Briguglio. All.: Ruggeri-Fasolo.Maniacese: Calanni, Salvà, Conti, Russo, Genova, Gaiati, Parasiliti, Nicolosi (78’ Longhitano), Saitta, Marino, Palacino (90’ Rizzo). All.: Conti.Arbitro: Leotta di Acireale.Espulsi: 70’ Agnone e 83’  Calì.