Il Gescal con Faraone vola in finale 1-0 al Forza D’Agrò Scifì che sciupa troppo.

Il Gescal con un gol nella ripresa di Faraone supera un caparbio Forza D’Agrò Scifì si qualifica per la prima volta ad una finale play-off con il Calcio Sparagonà. Una vittoria meritata quella dei ragazzi di Nino Giordano che si giocherà il tutto tra una settimana al Marullo di Bisconte con i santateresini dello Sparagonà.
Gara vivace con ricchi colpi di scena da entrambe le parti, occasioni da gol mancate (Calafiore), un palo e una traversa colpiti dal Gescal con Andreacchio e Carozza. Poi un’ingenuità difensiva permette a Faraone di mettere il sigillo alla gara che vale il passaggio alla “finalissima” per il salto in Seconda Categoria. Non basta una buona prestazione ai ragazzi del duo Spadaro-Mancuso scesi in campo consapevoli di non essere la vittima sacrificale contro i favoriti messinesi che con esperienza ed abilità con il mimo risultato conquistano la vittoria.
Partono bene i forzesi con il giovane Calafiore che al 10’ non concretizza da ottima posizione una favorevole opportunità per superare Passaniti. Dopo un avvio di gara contratto sono i padroni di casa che imprimono un altro ritmo alla gara costruendo manovre insidiose ben controllate dalla retroguardia ospite. Salgono in cattedra al 25’ Carrozza su calcio di punizione, poi tocca a Fabrizio Giordano in un micidiale contropiede chiamare sull’attenti De Clò. Al 31’ il Gescal sfiora il vantaggio su una magistrale punizione di Andreacchio ma la  sfera imbatte sul palo che mette i brividi alla porta ospite. Il Forza D’Agrò sembra controllare ancora una volta i legni salvano i forzesi dalla capitolazione, infatti la traversa,  ferma il tiro di Carozza.
Ad avvio di ripresa subito occasionissima per la compagine della Valle dell’Agrò: guarda caso sempre sui piedi del giovane Calafiore che manda fuori. Nella ripartenza arriva il gol-partita dei padroni di casa: siamo al 51’ ingenuità difensiva del Forza D’Agrò nasce la rete del vantaggio del Gescal: errore del difensore Principato su traversone di Peditto, di testa appoggia all’indietro al portiere De Clò, però fornisce un perfetto invito a Faraone che è un gioco da ragazzi mandare la sfera in fondo al sacco. Un errore che poi costerà caro ai ragazzi forzesi che reagiscono rabbiosamente ma l’esperienza della compagine del Presidente Panarello non consentono agli ospiti di avvicinarsi nei pressi di Passaniti.
I biancoverdi di casa controllano senza rischiare nulla gli avversari con i due tecnici che tentano il tutto per tutto mandando nella mischia l’attaccante Nino Costa, il centrocampista Pizzolo e Crstian Muscolino, senza ottenere particolare beneficio. Anzi nell’arrembaggio finale dei forzesi che devono fare il mea culpa come dice un famoso detto ” chi sbaglia troppo prima poi viene punito” rischiano di subire il raddoppio nel finale con Scucchia con un intervento strepitoso di De Clò. Al triplice fischio finale sono i messinesi a festeggiare il passaggio del turno, con il Forza D’Agrò che non ha nulla da rimproverarsi aver raggiunto il traguardo dei Play-off è come vincere il campionato. Non è cosi per il Gescal dato favorito ad inizio stagione per la vittoria finale.
Domenica 12 Giugno alle 16:30 mister Nino Giordano sfruttando il fattore campo (miglior squadra in classifica rispetto allo Sparagonà) può conquistare il traguardo della Seconda Categoria sempre Calcio Sparagonà permettendo che certamente dopo aver fatto lo sgambetto all’Akron Sport Savoca vuole fare l’ultimo regalo dopo uno splendido campionato ai numerosi tifosi che si stanno organizzando (si prevedono due pullman alla volta di Messina) per sostenere nell’ultima fatica i propri beniamini, con l’incertezza dell’infortunato Enrico Casablanca, il sogno “promozione”. Vinca il migliore.
Gescal  1  Forza D’Agrò Scifì  0
Marcatore: 51’ Faraone.
Gescal: Passaniti, D. Giordano (75’ D’Orazio), Faraone, Catania, Pellegrino, Todaro, Peditto ( 87’ Scucchia), Acquaviva, Andracchio ( 23’ Ammo), Carozza, F. Giordano (80’ Coppolino). All: Nino Giordano.
Forza D’Agrò Scifì: De Clò, Cannata (82’ Crupi), Carciotto, Bartorilla, Tamà, Principato, Spinella, Caponiti, Calafiore (60’ Muscolino), Vittorio (70’ Pizzolo), Puglia ( 80’ Costa). All: Spadaro-Mancuso.
Arbitro: Tomasello. Assistenti: Scrima e Saija.