I fratelli Giuseppe e Andrea Nucita trionfano all’8° Rally del Tirreno. La vittoria dedicata a “Strak”.

“Dedico questo successo ad Antonino Stracuzzi (pilota plurivittorioso, vincitore dell’edizione 2004 al ‘Tirreno’, tragicamente scomparso in un incidente di lavoro nel 2007, – ha dichiarato Giuseppe Nucita appena tagliato il traguardo di Saponara – è stata una gara molto avvincente e in forse fino all’ultimo metro cronometrato. Dopo la foratura del secondo giro di prove speciali, a testa bassa ho ritrovato la grinta per rimontare gli avversari.”
Giuseppe e Andrea Nucita su Renault New Clio by PA Racing di classe R3C hanno vinto l’ottavo Rally del Tirreno, organizzato dalla Top Competition, disputato nella notte con l’arrivo nelle prime ore del giorno nel centro di Saponara.  I portacolori della scuderia Phoenix hanno trionfato dopo un’accesa e ravvicinata lotta con diversi contendenti, in un rally avvincente e incerto fino all’ultimo.
Un rally che ha visto susseguirsi in testa all’assoluta diversi specialisti e solo dopo averla conquistata al termine della settima delle nove prove speciali in programma, Giuseppe Nucita è riuscito a difendere la leadership fino al traguardo. Alla fine i fratelli di Santa Teresa di Riva hanno piegato la resistenza del trapanese della Sporting Club di Partanna Bartolomeo Mistretta, navigato da Concetta Calvano, su vettura gemella. A chiudere il podio, assoluto e di classe, un’altra auto della Casa francese, condotta dal messinese Osman Caristi in coppia con Markus Salemi per i colori della Sunbeam Motorsport.
Un altro pilota santateresino scrive il proprio nome nell’albo d’oro dell’ 8° Rally del Tirreno quinta prova del Challenge di 8° Zona, valido anche per il Campionato Siciliano, oltre che per il Trofeo Renault Clio R3 di Zona (nel quale ora Giuseppe Nucita è sempre più leader) e Renault Twingo e per il monomarca Peugeot Ranking.

Le prove speciali: I fratellli Nucita partono subito forte aggiudicandosi la prima prova speciale “Rometta1” di 9,80 Km con il tempo di 6’10.7 precedendo la coppia Urdì-Lucà su Renault Clio Super 1600 con un gap di 0.4.

Male la seconda prova “Roccavaldina1” colpa della foratura, dove concludono in ottava posizione con un tempo pari a 3’46.5 con un gap di 5.4 dai vincitori Urdì-Lucà che balzano al comando nella classifica generale, mentre i fratelli Nucita retrocedono in sesta posizione con un ritardo di 5.0.
Non va meglio la terza prova speciale “  Colli 4 Strade1“ sesto tempo finale con un gap di 7.7 dalla coppia leader della corsa Urdì-Lucà. In classifica generale aumenta il distacco dalla coppia di testa con un gap di 12.7 che vale il quarto posto.
La quarta prova “Rometta2”  fa sorridere nuovamente la coppia Giuseppe e Andrea Nucita che chiudono in prima posizione con un tempo di 6’06’0. Migliorando il tempo della prima prova. In classifica generale Giuseppe Nucita sale in seconda posizione con un distacco dalla nuova coppia di testa Caristi-Salemi di 1.6.
Quinta prova “Roccavaldina2” terzo posto finale con un distacco irrisorio di 0.1 dai vincitori Mistretta-Calvano e Caristi-Salemi primi con lo stesso tempo. Invariata la classifica generale.
Nella sesta prova “Colli 4 Strade2” piazza d’onore per i fratelli Nucita con un gap 0.1 dai vincitori Mistretta-Calvano che balzano al comando precedendo i santateresini con un gap 0.1.
Nella settima prova, Giuseppe e Andrea Nucita  oltre ad aggiudicarsi la prova speciale balzano al comando nella classifica generale precedendo di un irrisorio distacco di 0.3 Mistretta-Calvano.
Ottava prova (vinta da Lisa-Cambria)  chiudono in seconda posizione i Nucita con un distacco di 0.7 che li fa balzare al comando.
Nell’ultima prova speciale chiudono in prima posizione con un vantaggio di 1.2 sui rivali Mistretta-Calvano. Che gli consente di aggiudicarsi l’Ottava Edizione del Rally del Tirreno) con il tempo finale 47’48.7. Al secondo posto la coppia Mistretta-Calvano con un gap di 2.5.  Sul terzo gradino Caresti-Salemi con un gap di 16.2

Bartolomeo Mistretta: “Sono un non locale che ha lottato ad armi pari con i piloti del territorio. Per me è motivo di orgoglio e grande soddisfazione, vista la loro competitività”.

Omar Caristi: “Ci si può divertire anche di più pur non vincendo questo podio vale almeno quanto la mia vittoria del 2010”

Memorial Nino Amalfa –  Come primo pilota più anziano al traguardo, a Carmelo Molica con Tino Pintaudi di Gioiosa Marea della Tirreno Corse su Grande Punto Abarth   è andato anche il 1° Memorial Nino Amalfa, dedicato all’ufficiale di gara responsabile fino al 2010 della sicurezza di questa manifestazione e consegnato dal figlio Luca.

Ecco la classifica generale:

Nucita G.-Nucita A. (Renault New Clio) in 47’48”7;
Mistretta-Calvano (Renault New Clio) a 2”5;
Caristi-Salemi (Renaul New Clio) a 16”2;
Molica-Pintaudi (Grande Punto Abarth) a 41”4;
Pistone-Merendino (Renaul New Clio) a 41”7;
Oieni-Salvo (Peugeot 207) a 56”6;
Armaleo S-Armaleo C. (Renault Clio) a 56”6;
Lisa-Cambria (Renault Clio) a 57”7;
La Torre-Chambeyront (Peugeot 207) a 1’51”5;
Sabatino-Guttadauro (Peugeot 106 Rallye) a 1’58”2.