Il giardinese Giorgio Rizzo e il santateresino Angelo Alaimo i finalisti del torneo di tennis di “Città di Savoca”

L’ottava edizione del torneo di tennis “Città di Savoca” giunge all’epilogo con la disputa della finale che vedrà opposti il giardinese Giorgio Rizzo e il santateresino Angelo Alaimo. L’appuntamento domenica 8 agosto 2011 alle ore 18:30 presso il polifunzionale di Savoca con la disputa della finalissima che sancirà il vincitore dopo due settimane di un tabellone dove ha visto la partecipazione di 64 atleti che si sono date battaglia sotto il caldo agostano.
I due finalisti sono arrivati in finale grazie alla vittoria nelle semifinali: Giorgio Rizzo ha vinto con un secco 2-0 contro Nino Duca che si è dovuto inchinare per 6-2, 6-2 all’atleta più “grande” fra gli iscritti. Alla fine nulla ha potuto il lucese Nino Duca contro la tattica adottata da Giorgio Rizzo insieme al suo coach “ la moglie rosalinda”  che in tutto il torneo ha suggerito al proprio atleto-marito il ritmo di gioco lavorando soprattutto dal punto di vista mentale per riservare le energie per tutto l’arco del torneo. Tattica che alla fine è risultata vincente, con un ottimo gioco a tratti spettacolari, nonostante la non tenera età ha strappato per alcuni suoi colpi gli applausi dei spettatori presenti. Contro Nino Duca, al di là del punteggio, non è stato facile domare l’avversario che ha lottato pallina su pallina, ma la maggior esperienza di Rizzo alla fine è risultata vincente.
Dopo aver fatto  fuori uno dei favoriti De Pasquale, Pietro Mifa e Nino Duca adesso l’ultimo ostacolo Angelo Alaimo vincente nell’altra semifinale nell’ennesimo confronto con il compagno di squadra “Tennis Club Savoca” Pietro Villari. Un’incontro giocato ad ritmi elevati tra due “tennisti”  che si conclude in favore di Angelo Alaimo che si aggiudica il primo set per 6-2. Pronta la risposta di Pietro Villari che dopo un equilibrio iniziale infila dei colpi vincenti che lo portano a concludere per 6-3 ristabilendo la parità.
Si va al decisivo set che vede i due protagonisti sfidarsi con ottimi scambi sotto gli occhi dell’attento direttore di gara dott. Gabriele Lettina, alla fine il pass per la finalissima di Domenica è toccato a  Angelo Alaimo che ha la possibilità di iscrivere il suo nome per quinta volta il suo nome all’Albo d’Oro della torneo, ovviamente Giorgio Rizzo permettendo.