Nove i pongisti azzurri guidati dal messinese Arcigli alle Paralimpiadi di Londra 2012.

Sono nove i pongisti che faranno parte alle Paralimpiadi di Londra 2012: Pezzutto, Podda, Brunelli, Zorzetto e Nardelli tra le donne; Borgato, Vella, Caci e Alecci tra gli uomini. I rivali degli azzurri guidati dal messinese Alessandro Arcigli sono le racchette asiatiche, non più solo cinesi: Corea, Thailandia, Giappone, Taipei le squadre da battere.
Ottime indicazioni, da Buenos Aires, in Argentina, dove è andata in scena l’ultima prova di qualificazione alle Paralimpiadi di Londra 2012 per il tennistavolo paralimpico. Terminate le gare di singolare con un oro, un argento e due bronzi, per i sei azzurri seguiti da Alessandro Arcigli, Responsabile Tecnico appena riconfermato dalla Fitet alla guida della Nazionale disabili (che guida dal 2005) si è passati alla gara a squadre con due vittorie, un argento e un bronzo, ottenuti dalle quattro squadre azzurre iscritte. L’Argentina è stato solo l’ultimo scoglio, prima di pensare a Londra. Nei mesi scorsi, però, la preparazione dei pongisti azzurri è stata infaticabile e continua: hanno preso parte ai tornei di Eger, Lasko, Rotterdam, Sheffield e agli Europei di Spalato (dove siamo andati con la delegazione più folta di sempre, ben 19 atleti).

“Non abbiamo fatto mancare nulla ai ragazzi, in fatto di allenamenti e partecipazioni internazionali – ci dichiara il tecnico azzurro Arcigli -. è’ stato fatto tutto il necessario per metterli nelle migliori condizioni per far bene ai Giochi.  Solo di raduni, abbiamo fatto circa 7 giorni al mese”.

Se deve esprimere una criticità del tennistavolo paralimpico nostrano? “Sicuramente, l’età media dei giocatori è, purtroppo, troppo alta. Ma, presi come siamo dal dover totalizzare grandi risultati, è sempre più difficile puntare sui giovani, nelle gare che contano. La situazione è che tanti, anche giovanissimi, fanno avviamento e praticano a livello amatoriale il tennistavolo, ma poi il salto di qualità verso l’agonismo è un percorso ancora arduo”.

Tanto più è importante trovare nuove braccia, quanto più cresce il livello tecnico di questa disciplina? “Siamo arrivati ad un punto  di grande espansione internazionale di questo movimento. Pensa che ad ogni nuovo torneo si classificano dai 30 ai 40 giocatori in più. E la stanno facendo da padroni gli asiatici. Non più solo i cinesi, come prima di Pechino 2008: ora si affaccia la Thailandia, Taipei, la Corea, il Giappone, e bisognerà essere bravi non più solo contro gli Europei, ma battere le strade oltreoceano per affinare ancora di più la nostra tecnica”.

Questo il programma di avvicinamento all’evento paralimpico:

1-5 Febbraio 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica
18-26 Febbraio 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica

1-5 Marzo  2012 Eger (Hungary) Torneo Internazionale
16-18 Marzo 2012 Lignano Campionati italiani Paralimpici
20-25 Marzo 2012 Lignano (Italy) Torneo Internazionale
30 Marzo -7 Aprile 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica

18 – 25 Aprile 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica

1-7 Maggio 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica
8 – 13 Maggio 2012 Laško  (Slovenia) Torneo Internazionale
16 – 21 Maggio Lignano Stage di Preparazione Tecnica
22-27 Maggio 2012 Piestany (Slovakia) Torneo Internazionale
31 Maggio-3 Giugno 2012 Cluj-Napoca (Romania) Torneo Internazionale

7-13 Giugno 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica
14 -16 Giugno 2012 Nantes (France) Torneo Internazionale

4  – 11 Luglio 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica
18 –  25 Luglio 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica

18 – 25 Agosto 2012 Lignano Stage di Preparazione Tecnica 29 Agosto- 9 Settembre 2012 London Paralympic Games