Ci ha lasciati l’ex arbitro internazionale il messinese Angelo Amendolia.

All’età di 60 anni è morto l’ex arbitro internazionale Angelo Amendolia, uno degli arbitri più noti della serie A degli anni ’80 e ’90.  Angelo Amendolia era malato da tempo, tanto che non lavorava più da anni come agente assicuratore, si è spento stamattina a Milazzo, dove risiedeva.
Nato a Pace del Mela (ME), il 26 settembre 1951, agente assicuratore, è entrato nell’AIA nel 1970;  Nel 1987 in occasione di Sampdoria-Avellino, non più giovanissimo, fece il suo debutto in Serie A, per volontà dell’allora designatore Cesare Gussoni dove ha arbitrato fino al 1995. Nel 1991, assieme a Fabio Baldas, venne proposto per essere nominato arbitro internazionale, esperienza che sarebbe stata portata avanti fino al 1995.
Nel 1993 arbitrò la sua prima finale di Coppa Italia (Roma-Torino) e nello stesso anno ottenne il Premio Mauro, il massimo riconoscimento per la categoria. Nel 1995 diresse, per la seconda volta, la finale di Coppa Italia (Juventus-Parma). Proprio in quell’anno, in occasione della partita di campionato Padova-Genoa, pose termine all’attività arbitrale con un anno di anticipo: infatti all’inizio del campionato successivo decide di dimettersi ufficialmente per motivi personali.
Il bilancio complessivo di Amendolia è di 108 presenze nella massima divisione (tra cui alcune “classiche” del campionato, come Juventus-Inter, il Derby di Roma, 2 volte il Derby di Torino e 2 volte Milan-Roma).
A livello internazionale vanta la partecipazione ai Mondiali FIFA Under-17 disputati in Italia nel 1991, ed una presenza nei gironi di UEFA Champions League (nel 1993 diresse CSKA Mosca-Club Brugge). Appeso il fischietto al muro diventò moviolista nel 1996 presso l’emittente Telemontecarlo delle trasmissioni Galagol e Goleada, condotte entrambe da Massimo Caputi e con la partecipazione di Giacomo Bulgarelli.
Particolari riconoscimenti sono arrivati da parte del mondo arbitrale che si associa al dolore dei familiari:

Il Presidente dell’AIA, Marcello Nicchi, il Vice, Narciso Pisacreta, il responsabile del Settore Tecnico, Alfredo Trentalange, e i Componenti del Comitato Nazionale, anche a nome di tutti gli Arbitri italiani, si associano al dolore dei familiari.

Il Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Sicilia, Rosario D’Anna, il Vice Sergio Grosso, unitamente a tutti gli arbitri siciliani piangono la  prematura  scomparsa dell’ amico e collega Angelo Anendolia, figura di rilievo e di grande spessore che tanto lustro ha dato all’ASSOCIAZIONE  e alla Regione Sicilia.

Il Presidente sezionale, Orazio Postorino, unitamente a tutti gli arbitri messinesi, nel ricordare la figura dell’ indimenticabile Angelo Amendolia, si stringe affettuosamente ai familiari del caro Angelo.

I funerali saranno celebrati lunedì 16 gennaio 2012 presso la chiesa Sacro Cuore in Milazzo (ME)..