Promozione: Cinque anni a Gangi (Enna Calcio). Stop per Loria, De Salvo e Restuccia (Pistunina).

Il Giudice Sportivo ha deliberato la vittoria a tavolino al Real Giarre riguardante la gara del 9 Settembre giocata sul campo dell’Enna Calcio vinta dalla formazione di casa per 1-0. Il provvedimento adottato in quanto un giocatore Nicola Massaro risulta in posizione irregolarein quanto tesserato dalla Società Enna in data 17/09/2012 giusto lista di trasferimento dalla Società cedente Valenzana Mado”.
Quindi sconfitta a tavolino per l’Enna, squalifica fino al 15 Marzo 2012 al dirigente accompagnatore Giuseppe Cannarozzo. Altro provvedimento adottato riguarda la gara Nicosia – Scommettendo del 30 Settembre 2012 non è stata disputata a causa della  mancata presentazione della squadra Scommettendo per cui gara perduta per 0-3, la penalizzazione di un punto in classifica e l’ammenda di 500 euro (1ma rinuncia).
Mano pesante per il giocatore Orazio Gangi (Enna Calcio) fermato fino al 30 Settembre 2017 “ Per contegno offensivo nei confronti di un A.A.; nonchè per avere,dopo l’espulsione, colpito lo stesso con un pugno al mento provocandogli forte dolore ed assunto ulteriore contegno aggressivo”.
Giocatori Espulsi:

Tre Giornate: Cavaleri e Curella (S. Angelo Licata)
Due Giornate:  Pincio (Enna), Nirelli (Real Giarre),D’Arrigo (Città di Mascalucia), D’Agostaro (Collesano), Costanzo (Gymnica), De Lisi (Pro Favara), Muni (S. Sebastiano), Galuffo (Salemi), Campisi (Città di Terrasini)
Una Giornata: Marziale (Enna), Smiriglia (Marmentina), De Salvo, Restuccia  e Loria (Pistunina), Salemi (Pro Favara), Musto (Real Niscemi), Trama (S. Croce),Raciti (Scicli), Messina e Parisi (Città di Carini),

Allenatori:

Fino al 5 Novembre 2012 Rocco Guarino (Real Ragusa Calcio);
Fino al 15 Ottobre 2012 Mario Putaggio (Salemi)

Dirigenti:

Fino al 15 Ottobre 2012 Antonio Ragusa (S. Angelo Licata)
Fino al 10 Ottobre 2012 Valentino Crisanti (Collesano)

Ammende Società:

Euro 100,00  Pistunina “Per avere, persona non identificata introdottasi sul terreno di giuoco assunto contegno offensivo nei confronti dell’arbitro, a fine gara”.