Tonfo casalingo del Furci: 3-1 per il Ghibellina.

Quarta giornata di campionato fatale per la ex capolista del campionato di Prima Categoria del Girone D, prima sconfitta stagionale ed perdita del primato in classifica  per il Furci sconfitto a domicilio dal Ghibellina che si prende la rivincita dopo l’eliminazione al primo turno di Coppa Sicilia ad opera dei furcesi.
Che dire, forse i ragazzi di Peppe Ciatto soffrono di vertigini, anche la scorsa stagione sarà pure coincidenza alla quarta giornata era arrivata la prima sconfitta, guarda caso con gli stessi numeri di questo campionato: tre vittorie (Randazzo, S. Teresa e Dacca), poi lo scivolone con il Lineri Misterbianco il 16 ottobre 2011. A distanza di un anno stesso periodo (14 ottobre) stavolta fra le mura amiche, si ripete la stessa cosa.
Il Furci non ha niente da recriminare, la vittoria del Ghibellina è stata netta, una compagine cinica, ben organizzata con un trio che fa paura Bruschetta-Ant.Bonamonte e Buda che hanno fatto impazzire la retroguardia furcese apparsa non all’altezza delle precedenti uscite. Nel grigiore  furcese, l’unico a salvarsi è Davide Principato, occasione da rete mancata dopo 50’’  e un palo, episodi che forse avrebbero cambiato il volto alla gara.
Una giornata storta può capitare, anche se l’attesa era molta tra i tifosi, con molta probabilità è stata sbagliato l’approccio alla gara, senza nulla togliere al Ghibellina che si è dimostrata una squadra compatta in tutti i reparti che darà fastidio alle pretendenti alla vittoria finale. Con il risultato compromesso mister Ciatto ha cercato dei cambiamenti tattici inserendo Pino, soprattutto Fabio Cutroneo che hanno portato al gol nel finale del neo entrato Carpillo, ormai la frittata era stata fatta. Una battuta d’arresto speriamo salutare che serva da lezione per il futuro, non ci sono partite facile, bisogna scendere in campo con la massima concentrazione, poi vinca il migliore.
La gara: Nemmeno il tempo di prendere le misure che il Furci va vicinissimo al vantaggio: Luca Galletta dal cerchio del centrocampo lancio in verticale per lo scattante Davide Principato brucia il suo avversario dalla sinistra fa partire un bolide che vede l’opposizione di Crimi che devia in angolo. Tutto questo accadeva dopo 50 secondi di  gara che faceva pensare ad una gara diversa ma la sorpresa era dietro l’angolo. La risposta ospite arriva con Buda con un pallonetto fuori dallo specchio della porta. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo al 13’ calciato da Beccaria dalla sinistra che pennella una perfetta parabola per la testa di Galletta che manda fuori.
Con  il passare dei minuti il Ghibellina si organizza ed al primo vero affondo passano in vantaggio: Buda viene fermato fallosamente da Coledi che si becca il cartellino giallo. Dagli sviluppi del calcio di punizione calciato da Bonamonte che serve sulla destra Centorrino che mette al centro con la difesa furcese non interviene correttamente con la palla che arriva sui piedi di Antonio Bonamonte piazzato all’altezza della lunetta dell’ area di rigore fa partire un fendente che non perdona Barbera. Subito il gol, cambia l’atteggiamento del Furci che non riesce a reagire, sembra che qualcosa nel meccanismo si sia inceppato. Nonostante ciò al 30’ i furcesi colpiscono il palo: azione che parte sempre dal solito Beccaria lancio per Principato dalla sinistra fa partire un diagonale con Crimi battuto con la palla che sbatte sul palo.
In pratica finisce qui la reazone del Furci nella prima frazione di gioco, da questo momento tocca al Ghibellina: prima con Giorgianni e poi con Bruschetta fino ad arrivare al gol del raddoppio: in una ripartenza Buda in progressione taglia fuori la difesa dalla sinistra mette sul lato opposto dove si trovare pronto al stacco di testa Lucà che sigla il 2-0. Doccia fredda in casa furcese, il vento è cambiato, subito il gol, altra tegola l’infortunio a D’Agostino sostiuito da Fabio Cutroneo. La prima frazione di gara si conclude con gli ospiti in vantaggio.
Al rientro in campo l’undici furcese si presenta con Pino al posto di Coledi intenzionato a rimontare lo svantaggio, ma sono sempre gli ospiti che alla prima azione fanno capire che non hanno nessuna intenzione di cedere il passo ai padroni di casa che sono costretti con Lo Re a fermare al limite un lanciatissimo Lucà.
Al 50’ clamoroso errore di Giorgianni smarcato in area dal solito Bonamonte, ma il numero undici biancazzurro a porta spalancata manda incredibilmente sopra la traversa. Il Furci non c’è, nel giro di pochi minuti ci provano prima Bonamonte su errore di Tomasello di poco fuori e poi Buda che ruba palla a Burgio manda alto. Campanelli d’allarme che non svegliano il Furci che non riesce a cambiare atteggiamento. Un sussulto arriva al 55’ su calcio di punizione dal versante sinistro di Beccaria con la sfera che arriva sul secondo palo della porta di Crimi, ma il colpo di testa di Lo Re va fuori, occasione per poter riaprire la partita.
Al 66’ mister Ciatto manda nella mischia l’attaccante Ciccio Carpillo al posto di Cerrito per aumentare la pericolosità in attacco.  Al 68’ un tiro in diagonale di Fabio Cutroneo di poco fuori.  Poi la punizione di Beccaria che porta al gol di mano di Burgio, giustamente annullato.
Al 78’ arriva il 3-0: Bruschetta intercetta a centrocampo un passaggio diretto a Galletta prende in contropiede gli avversari serve in profondità Buda appena in area evita l’uscita di Barbera ed sigla la sua rete personale che chiude in pratica la gara anche se l’attaccante biancazzurro ha la possibilità di replicare qualche minuto più tardi ma manda alto.
A cinque minuti dalla fine arriva il gol della bandiera dei padroni di casa: Beccaria mette al centro per la testa di Carpillo che manda in rete. Ultimo sussulto di una gara da dimenticare in fretta per il Furci, vinta meritatamente dal Ghibellina.
Furci    1    Ghibellina   3

Marcatori: 20’ Ant. Bonamonte, 40’ Lucà, 78’ Buda, 85’ Carpillo.
Furci: Barbera, A. Tomasello, Burgio, Cerrito ( 66’ Carpillo), Coledi ( 46’ Pino), Lo re, D’Agostino (43’ Pino), Galletta, Principato, Beccaria, Pagano Dritto. All: Ciatto.
Ghibellina: Crimi, Morgante, Vasta, Bruschetta, Pannuccio, Di Bella, Centorrino (65’ Turchet), Ant. Bonamonte, Lucà ( 80’ Bonaccorso), Buda, Giorgianni ( 70’ Andrea Bonamonte). All: Donzè