Legadue: Sconfitta la Sigma Barcellona (75-71) con la Tezenis Verona.

Una bella Tezenis supera la Sigma Barcellona (75-71) nel secondo anticipo del campionato di Legadue. Finalmente gli americani di Verona hanno fatto la differenza: McConnell ha preso in mano la squadra nel terzo quarto (12 punti per lui in quella frazione), Westbrook ha infilato la tripla che ha impedito agli ospiti di scappare (quella del 47-52, sempre nel terzo periodo) e il cotonou Lawal ha stabilito (forse) il record di rimbalzi offensivi catturati in un match (12 su 17 totali per lui). Per la Sigma molto bene Callahan, a fasi alterne Bell e Sanders, mentre Green si è infortunato alla caviglia all’inizio del quarto periodo e non è più rientrato.
Primo Quarto: L’inizio del match è caratterizzato dai tanti errori (soprattutto da sotto) per entrambe le contendenti. Verona domina al rimbalzo (13-5 in questa frazione) e si porta avanti 7-6, prima della tripla di Callahan che ribalta il punteggio (6-9 a metà tempo). Ghersetti con 5 punti in fila riporta avanti la Tezenis (15-13), che allunga sino al 18-13 (tripla di McConnell) e si va al primo riposo dopo il cesto di Bucci (18-13).
Secondo Quarto: Nel secondo quarto gli ospiti mettono il naso avanti con Mocavero e Sanders (18-19) e il solito Callahan chiude il break siciliano a cavallo dell’intervallo di 0-8 (18-21). I gialloblù commettono due falli in attacco in altrettante azioni e il neoentrato Eliantonio infila la tripla del +4 (20-24), prima dei tre panieri consecutivi di Chessa che riportano Verona in vantaggio (29-27). Si procede punto a punto sino a fine periodo, con Green che fallisce la tripla del pareggio poco prima della sirena (41-38).
Terzo Quarto: Barcellona impatta comunque ad inizio terzo quarto (tripla di Callahan), cui fanno seguito le conclusioni pesanti di Boscagin e Green (44-44): il capitano veronese commette un fallo antisportivo che permette alla Sigma di scappare con un parziale di 0-11 (44-52). La fuga viene interrotta però dalla già ricordata tripla di Westbrook (47-52) che dà il via al break, stavolta gialloblù, di 14-2 (58-54). E’ un super McConnell a ispirarlo con tre triple pressoché consecutive, ma Callahan e Bucci rispondono con la stessa moneta (61-60), prima dei liberi di Mickey con cui si chiude la terza frazione (63-60).
Ultimo Quarto: Il pubblico del PalaOlimpia spinge i propri beniamini sino al 69-62 all’inizio dell’ultimo quarto (6 punti consecutivi di Westbrook), Callahan non ci sta e sigla il 69-65, mentre in difesa Perdichizzi si piazza a zona. Il punteggio si abbassa perché nessuno segna per 3 minuti abbondanti, Mocavero riporta Barcellona a contatto (71-69) e l’errore al tiro di Westbrook viene corretto dalla schiacciata in tap-in di Lawal che fa schizzare in piedi i sostenitori scaligeri (73-69). Nell’ultimo minuto Bell sigla il nuovo -2 (73-71), McConnell sbaglia imitato, dall’altra parte, da Bell e l’ex Da Ros mette i punti della staffa (75-71).