Under 20: Il Cus Messina perde al Dusmet 4-1 con il Cus Catania.

I Peloritani  si arrendono ad un ottimo CHU Cus Catania sul sintetico del Dusmet,.  Per il Cus Messina una buona prestazione nonostante il passivo e la consapevolezza che la squadra è competitiva e può lottare alla pari  contro chiunque.
Il Cus Messina esce dal Dusmet sconfitto, ma dopo aver disputato una buona gara di hockey. I messinesi hanno messo in evidenza le loro caratteristiche tecniche  che si stanno amalgamando sempre più riuscendo ad esprimere un buon gioco di squadra nonostante un passivo eccessivamente pesante per i ragazzi di Spignolo, contro va subito detto un ottima formazione, la squadra etnea principale indiziata come possibile favorita per la vittoria finale ha dimostrato tutto il suo valore, con un ottimo gioco di squadra e qualche spiccata individualità come quelle di  Andrea Blandini e Tiberio Rapisarda.
Nel corso del primo tempo è il CHU  Catania che si porta in vantaggio per ben due volte, al 14 e Andrea Blandini a finalizzare un azione ben giocata sulla sinistra con un passaggio sotto porta che il forte atleta etnea non può assolutamente sbagliare, al 24 sugli sviluppi di un corner corto molto contestato dagli atleti peloritani ci pensa Gabriele Privitera a trovare l’angolo giusto alla destra di De Gregorio, pronta e decisa la reazione messinese che non concretizza alcune ghiotte occasioni da rete prima con Claudio Santorelli che da due passi non trova la deviazione vincente e sul finire di primo tempo con Federico Ficarra che non sa approfittare di un grossolano disimpegno del centrale etneo Cantale che gli mette su in piatto d’argento una palla che il giovane attaccante cussino sbaglia in modo clamoroso perdendo il tempo di battere a rete quando era tutto solo d’avanti al portiere etneo.
Nella ripresa il Cus Messina si presenta più agguerrito e accorcia subito le distanze con il suo capitano Aldo D’Andrea  al 38 che su corto non sbaglia piazzando la pallina all’incrocio della porta difesa da Sottile, sono quindici minuti in cui i ragazzi di Spignolo spingono forte sull’acceleratore due le occasioni in cui i peloritani potrebbero riagguantare gli etnei ma prima con Ciccio Curreli che mette a lato e dopo ancora con Aldo D’Andrea ancora  su corto con la pallina che finisce di poco sulla traversa,, scossi dal pericolo i ragazzi di Giovanni Sapienza mettono nuovamente la testa avanti, cominciando a macinare gioco e un ritmo più elevato alla gara, qui il team peloritano  si scompone un più del dovuto permettendo prima  ad Andrea Blandini al minuto 60 di siglare un eurogol di driwe di rovescio all’incrocio dei pali di Emanuale De Gregorio  e a meno di un minuto dal termine di subire la quarta rete con Alessandro Iappica  bravo in mischia a depositare la pallina in fondo alla porta.
Buona comunque nel complesso la  prova dei ragazzi di Spignolo che devono  continuare a lavorare perché la strada è quella giusta e soprattutto l’hockey mostrato rispecchia le giuste caratteristiche. Adesso è arrivato il momento che non occorre solo eseguire, ma anche cercare di interpretare quello che il tecnico vuole e le soddisfazioni arriveranno presto. La consapevolezza di esserci e di essere competitivi c’è, e già il prossimo turno regala un derby molto sentito come quello contro l’HC Giardini.
CHU Cus Catania     4   Cus Messina    1

Marcatori: 14’ e 60’  Blandini, 24’ Privitera,  38’  D’Andrea A., 73’  Iappica.
CHU Cus Catania: Sottile, Cantale, Belfiore, Rapisarda, Fasanaro, Maugeri, Privietera, Giuffrida, Blandini, Di Martino, Fusari, In panchina (entrati) Isinelli, Ippica. Allenatore Giovanni Sapienza
Cus Messina: De Gregorio, Saccà, D’Andrea F., Maesano, Provenzale, D’Andrea A., Ardizzone, Correli, Spignolo, Siracusa.  In panchina (entrati) : Ficarra,Parisi,Caroppo.,Allenatore Antonio Spignolo.
Note: angoli corti 3 a 3 – ammoniti Maugeri (HCU) – Provenzale (Cus Me)