Vincente l’Astamura Basket sul parquet di Antillo: 69-66 al Ganzirri.

Pronto riscatto dell’Astamura che batte l’A.S.D. Ganzirri per 69-66 dopo un tempo supplementare nel combattutissimo match di Antillo disputatosi domenica 25 novembre. Nel primo impegno stagionale nel centro collinare, la squadra santateresina viene accolta dal Sindaco Davide Paratore il quale, dopo gli onori di casa, ha assistito con interesse all’avvincente gara. La seconda giornata di campionato premia i locali con due punti in classifica che fanno morale ma rischia di avere conseguenze nell’immediato prosieguo del torneo a causa degli infortuni registrati. Una partita dai mille volti, sempre in bilico e che solo all’overtime ha trovato un padrone.
Primo Quarto: L’Astamura parte forte e nei primi 5 minuti sembra una macchina perfetta, funziona bene il quintetto iniziale formato dai tre Lombardo, Chillemi e Casablanca, la difesa a zona tiene e le azioni di attacco condotte con estremo ordine e lucidità portano un break iniziale di 9-0 che pareva anticipare una partita sul velluto per i padroni di casa.
Un cambio azzeccato degli ospiti e un concomitante calo di concentrazione in difesa rimettono tutto in discussione, l’ingresso in campo del sempreverde Michele Malluzzo, che con quattro triple consecutive produce il sorpasso sul 9-12, sono il primo segnale di pericolo per l’Astamura. In occasione del quarto tiro da tre punti messo a segno, il play messinese si infortuna cadendo male e procurandosi una brutta distorsione al ginocchio che lo costringerà in panchina per il resto della gara.
Secondo Quarto: Nel secondo quarto con i padroni di casa ancora in bambola, è il numero 8 ospite, il giovane Ullo, a infilare il canestro dell’Astamura con altre quattro triple da distanza siderale che portano il Ganzirri fino a +12. Sembra il preludio per la seconda sconfitta consecutiva ma provvidenziale arriva la sirena che segna la fine del secondo quarto.
Terzo Quarto: Rientrati negli spogliatoi per la pausa lunga, i ragazzi di Santa Teresa escono trasformati, recuperano punto su punto fino ad arrivare al pareggio ed al successivo sorpasso. Al 29’ brutto infortunio a Luigi Lo Giudice, recuperato in extremis dal guaio alla caviglia  patito domenica scorsa a Messina, in un contatto di gioco considerato falloso ha riportato una sospetta lussazione alla spalla. Angelo Alito (18 punti personali per lui alla fine del match), assente dalla Sicilia per tutta la settimana non era partito in quintetto, nel terzo quarto trascina la squadra, trova punti preziosi in contropiede  e la porta addirittura in vantaggio.
Ultimo Quarto: Nel quarto periodo si rifanno sotto gli ospiti che riescono a ribaltare il risultato portandosi sopra di 2 punti a 40” dalla fine. L’Astamura raggiunge però il pari sul 62-62 e porta la gara all’overtime. Fuori per falli il capitano Chillemi, particolarmente nervoso in alcune fasi della partita, e con i gemelli Lombardo bravi ma discontinui sotto canestro ed entrambi a 4 falli nel finale, i ragazzi di Lando danno fondo alle ultime energie e riescono a concentrarsi per portare a casa il match con i due punti conclusivi del giovane Garigali che fissano il punteggio sul 69-66.
Risultato bugiardo, il divario poteva essere maggiore se la scarsa concentrazione difensiva, il nervosismo, gli infortuni di Lo Giudice, Chillemi e Casablanca e qualche errore arbitrale di troppo non avessero condizionato eccessivamente i locali che hanno rischiato di perdere un’altra partita e ulteriori posizioni in classifica.
Sabato 1 dicembre alle 17,00 l’Astamura sarà impegnata nella difficile trasferta di San Filippo del Mela dove al Palazzetto dello Sport di Piazzale Sandro Pertini incontrerà l’A.D.S.S. Peppino Cocuzza 1947, reduce da due sconfitte consecutive ma che annovera fra i suoi atleti un mix di giovani del vivaio e giocatori esperti con trascorsi in categorie superiori e che saranno un test molto impegnativo per il team santateresino con tanti assenti.
Per l’Astamura hanno preso parte alla gara: Domenico Casablanca 7 punti, Federico Garigali 2, Luigi Lo Giudice 4, Giorgio Chillemi 5, Angelo Alito 18, Roberto Lombardo 4, Alessandro Lombardo 11, Alberto Lombardo 13, Stefano Sigillo, Fabio Perez 4, Damiano Pino.