Serie B: Pur giocando bene il Cus Messina perde lo scontro al vertice 2-1 con il Ragusa.

Il Cus Messina perde lo scontro al vertice contro il Ragusa al termine di  una gara giocata a un ottimo livello I  peloritani  si arrendono ancora una volta alla squadra  iblea dell’HC Ragusa, dopo lo stop in Coppa,  nuova sconfitta in campionato dopo essere passati  in vantaggio. Sul risultato finale pesano le incredibili occasioni sciupate dagli attaccanti cussini e le strepitose parate di un Branciforte  assoluto protagonista tra le file ragusane.
Il Cus Messina esce dal Dusmet  sconfitto dallo scontro al vertice del Campionato di serie B contro una cinica HC Ragusa che finalizza al meglio le uniche e sole occasioni avute, peloritani sconfitti in ogni caso dopo aver disputato una buona gara ma che  hanno messo in evidenza  ancora una volta  le grosse ingenuità in fase realizzativa, tante le occasioni sciupate cosi come era già  accaduto nella gara di Coppa sempre contro gli iblei, ancora una volta sugli scudi il portiere ragusano  Brancifonte il migliore in campo, strepitosi alcuni interventi che hanno permesso alla sua squadra di uscire vincente  da questa sfida.
La Cronaca: Nel corso del primo tempo è il Cus Messina che si porta in vantaggio  al 17′ sugli sviluppi di un perfetto schema  su angolo corto con  Andrea Provenzale,  ma il vantaggio dura poco infatti  su una grossa ingenuità difensiva di Daniele Intersimone  e Domenico Cosentino.  Al 23′ che di pusch piazza la pallina alle spalle di Mangano, peloritani che cercano con insistenza la rete del vantaggio ma l’organizzata difesa iblea fa sempre buona guardia. Al 30′ e il giovane Curreli ad avere la pallina per battere a rete ma perde l’attimo giusto, ancora  una occasione allo scadere della prima frazione con Andrea Provenzale  ma il suo tocco si spegne a pochi centimetri del palo con Branciforte battuto.
Nella ripresa  squadra cussina completamente assente dal campo nei primi dieci minuti con la squadra iblea pronta a colpirla alla prima occasione, su un errato disimpegno di Curreli a centrocampo la  palla viene intercettata dall’ottimo Murè che di prima la piazza a centro area dove Calabrese  e  Mangano combinano la frittata  lasciando a Cocuzza una pallina che neppure lo stesso attaccante  si sarebbe mai aspettato  e che lo stesso deve solo spingere in fondo alla porta  per la rete del vantaggio al 40.
Si sveglia la squadra di Spignolo, rabbiosa  e  arrembante la reazione cussina,  ma nel meglio ci pensa Daniele Calabrese a  farsì  che la gara  diventi ancora più in salita di quanto già lo sia,  inutile fallo a centrocampo su Cocuzza che giustamente viene sanzionato  con il rosso e peloritani in 10 per il resto della gara,  incredibile le occasioni sciupate da Curreli al 51′ e ancora da Provenzale al 55′ che non trovano la porta. Al 60′ e Aldo D’Andrea su corto ad esaltare le doti di Branciforte che compie  il suo primo miracolo andando a deviare d’istinto la pallina all’angolo basso  alla sua destra, ancora miracolo del portiere ibleo su D’andrea   deviando una pallina  destinata all’incrocio dei pali alla sua sinistra, squadra  ragusana  arroccata nei propri ventidue.
L’ingresso del giovanissimo Peppe Ardizzone da ancora più spinta all’offensiva messinese dal suo bastone partono due  perfetti assist prima per Fabio Intersimone il suo tiro sfiora il palo e poi ancora per Provenzale che da due passi spara addosso a Branciforte una pallina che avrebbe dovuto piazzare, si entra negli ultimi cinque minuti di gara  piani di emozioni al 32 ‘Spignolo  servito da Gammeri  piazza un tiro forte e preciso che va a stamparsi  sul palo a portiere battuto, al 34’ ancora D’andrea su corto palla piazzata al sette di Branciforte  con  un  difensore ibleo che intercetta la palla ma alzando la mazza più del dovuto sarebbe rigore ma che il Signor Fresta non concede tra le proteste messinesi, all’ultimo assalto cussino ennesimo miracolo di Branciforte che devia  sul fondo un driwe di rovescio di Provenzale  quando la pallina sta per varcare la linea di porta.
Finisce tra i giocatori iblei ad abbracciarsi in mezzo al campo increduli di tanta grazia ricevuta  e la consapevolezza di avere letteralmente regalato una vittoria degli atleti messinesi.  La prossima settimana altra gara impegnativa per i ragazzi di Spignolo che riceveranno la visita dell’HC Raccomandata che in questo turno si è sbarazzata agevolmente di una PGS Don Bosco che resta relegata a zero punti in classifica.
HC RAGUSA    2   CUS MESSINA 1

Marcatori: 17’  Provenzale,  23’ Cosentino, 40’  Cocuzza.
HC Ragusa: Branciforte, Schininà, Murè, Parisi, Mirabella, Tumino, Foti, Cocuzza, Casentino ,Cintolo, Aprile. A disposizione (entrati): Cozzolino, Comitini, Italia. Allenatore: Ottavio Murè.
Cus Messina: Mangano, Calabrese, Intersimone D., Spignolo A., Gammeri, D’andrea A.,S pignolo L., Intersiome F., Cardella, Provenzale, Siracusa. A disposizione (entrati) La Torre, Curreli, Ardizzone, d’Andrea F., Saccà. Allenatore: Antonio Spignolo
Arbitri: Fresta e Bandieramonte di Catania.
Note: angoli corti  5 a  2 per il Cus Messina.
Espulso: Calabrese (Cus Me)
Ammoniti: Foti e Comitini (HC RG)