Legadue: Novembre mese d’oro per la Sigma Barcellona.

Ebbene sì, la Sigma Barcellona ingrana la quarta. Un’altra vittoria in trasferta che segna una lenta e progressiva risalita nelle zone alte del ranking, un altro successo su un parquet difficile e temibile come quello di Frosinone, legno sempre più nemico alla Prima Veroli di Franco Marcelletti. Lo fa con la forza del gruppo e del suo leader, capaci di tenere vivo un incontro che, come da pronostico, si è rivelato sin dalle battute iniziali pericoloso e decisamente complicato.
Sudore, rincorse e altalene hanno determinato l’ennesimo finale punto a punto dei giallorossi: un nuovo epilogo a lieto fine per il roster di Giovanni Perdichizzi, ordinato nell’imporre la cosiddetta legge del più forte contro una squadra tosta ed arcigna come Veroli. Al di là delle assenze di due uomini chiave come Rinaldi e Bruttini, quest’ultimo costretto nuovamente ai box, la squadra laziale è riuscita comunque a tenere testa a Barcellona, costringendola ad un finale nervoso dove, però, ad avere la meglio sono stati gli ospiti, lucidi nel tenere a freno l’impeto dei vari Carenza e Jurevicus con la solita freddezza del cecchino Troy Bell.
Insomma, con le vittorie casalinghe su Ferentino e Imola, intervallate dal successo in trasferta a Casale Monferrato, con l’acuto di Frosinone Barcellona completa un novembre senza sconfitte, in poche parole un mese d’oro da consegnare al campionato come biglietto da visita. Adesso all’orizzonte c’è un’altra gara in trasferta contro la matricola Trieste, ma questa, si sa, è tutta un’altra storia.