Legadue:Sigma Barcellona – Orlandina Basket derby siciliano domani al Palaberti.

Dopo aver ottenuto ben sette vittorie negli ultimi otto incontri, la Sigma Barcellona è pronta ad affrontare il derby contro Capo d’Orlando, ovvero una delle partite più attese della stagione, soprattutto da parte dei tifosi. Dopo quasi 30 anni dall’ultima sfida in campionato tra le due formazioni, le due principali compagini cestistiche della provincia si ritrovano una di fronte all’altra a portare in altro il nome della Sicilia.

L’avversario: Come noto, la società del Presidente Enzo Sindoni si è resa protagonista di tornei entusiasmanti nei massimi campionati nazionali dal 2004 al 2008, fin quando, per irregolarità amministrative, è stata esclusa dalla Serie A. È così cominciata una rapida risalita (sin dalla serie C dilettanti) per il ritorno nel basket professionistico, culminata col ripescaggio in LegaDue di quest’estate. Il roster allestito dal Direttore Sportivo Giuseppe Sindoni è stato inizialmente affidato a coach Massimo Bernardi, che ha ricevuto l’incarico di amalgamare un gruppo giovanissimo e molto rinnovato rispetto alla precedente stagione di DNA, con l’obiettivo di disputare un campionato “tranquillo”.
La fase iniziale del torneo si è però rivelata molto negativa per Benevelli e compagni, che hanno infatti rimediato sei sconfitte consecutive; ciò ha indotto la dirigenza a cambiare subito la guida tecnica, dando fiducia ad un personaggio di alto profilo mediatico come Gianmarco Pozzecco, autentico idolo dei tifosi orlandini, alla prima esperienza come head coach, coadiuvato dal più esperto Furio Steffè. Il cambio di allenatore ha sinora sortito effetti positivi, restituendo entusiasmo all’ambiente e portando la squadra al conseguimento di tre vittorie in cinque partite.

Il Match: Barcellona è chiamata a confermare i notevoli miglioramenti difensivi palesati nelle ultime tre gare. La squadra di Perdichizzi è oggettivamente superiore all’avversario, ma non può permettersi il lusso di sottovalutare una compagine che, conscia di non avere nulla da perdere, giocherà sicuramente con grande intensità e grinta. A ciò va aggiunto che Anthony Mason Jr. (che potrebbe debuttare) è un atleta del quale gli addetti ai lavori parlano benissimo e di cui non è possibile preventivare il tipo d’impatto. Risulterà, infine, molto equilibrato il duello tra i due pivot titolari (Cittadini e George), reduci da ottime prestazioni in campionato.

Gli ex di turno: siedono nella panchina di Barcellona e sono il Coach Giovanni Perdichizzi ed il suo assistente Nino Coppolino, che a Capo d’Orlando hanno ottenuto successi e soddisfazioni, portando la formazione paladina in Serie A e guidandola alla storica salvezza nel massimo campionato, prima di tornarvi la scorsa stagione, in DNA, con minori successi.
I precedenti: Oltre le due sfide di Coppa Italia della pre-season di quest’anno, entrambe vinte dai giallorossi, la gara di venerdì può considerarsi come un vero evento in quanto è la prima volta che Barcellona e Capo d’Orlando si affrontano tra i Professionisti. Tante volte, in passato, le due formazioni si sono trovate una di fronte all’altra nelle serie minori, tante volte i destini delle due formazioni si sono incrociati, ma mai in campionati di rilievo.
I ricordi di molti portano alla mente le sfide nei campi all’aperto dei campionati dilettantistici, anni ’70, Fiamma contro Capo d’Orlando. Due scuole di basket della provincia, due modi di fare e pensare la pallacanestro, due città che hanno fatto grande una provincia. E poi ancora le sfide in serie C (stagione 1981-82) con la formazione di Cucinotta da un lato e la Cestistica Barcellona dall’altro. Due sole gare in campionato, una vittoria per parte. All’andata vinse Barcellona all’Aia Scarpaci (76-67), mentre al ritorno ebbe la meglio l’Orlandina al PalaValenti (87-69).
Si passa poi alla stagione 1983-84, prima di rivedere un derby della provincia. Quell’anno, Capo d’Orlando vinse sia all’andata (92-93) che al ritorno (84-68), ed alla fine dell’anno ottenne la promozione in Serie C1. Dovranno passare quasi 30 anni, prima di rivedere contro le due formazioni in gare ufficiali. Coppa Italia di LegaDue 2012-13, ottavi di finale. Barcellona si impone sia all’andata (92-96) che al ritorno (84-76).
Articolo a cura di Nino Bueni e Antonio Raimondo