Al Palabucolo la festa del “Mini Effe Volley”

Si è svolta, come di consuetudine ogni fine anno, la festa del “ Mini Effe Volley “ tenutasi al Palabucalo dinanzi ai genitori delle ragazzine che stanno muovendo i primi passi nella pratica della pallavolo. La categoria “ mini volley “ comprende tutte le giovanissime atlete sino ai tredici anni ed è il primo step di avvicinamento allo sport agonistico.
L’Effe Volley ,che nel settore giovanile cura tutte le categorie under partecipando ai tornei provinciali federali, conta circa cinquanta iscritte nella classe “ mini “ e continua la fase di potenziamento dei settori giovanili. Da quest’anno la guida tecnica del “ mini volley “ è stata assunta  da un allenatore esperto e preparato con un passato in serie B quale Nino Prestipino che nel suo lavoro viene coadiuvato dalle atlete Antonella Pedale, Rosa Letizia, Cristina Mantarro e Simona Naccari.
La serata, molto piacevole, ha visto le pallavoliste in provetta cimentarsi in mini incontri con tanto di rete ed arbitro. Alla fine scambio di auguri con dirigenti, allenatori e famiglie in quello che oltre ad essere un momento sportivo è anche un evento di aggregazione sociale in una comunità dove non sono molte le possibilità di confronto e partecipazione per gli adolescenti.
Soddisfatto Nino Prestipino, trainer che dopo aver calcato parquet importanti nello scenario nazionale si diletta con i più piccolo in palestra “ per me è una bella esperienza ed un servizio che voglio dare al mio paese, ognuno di noi ritengo debba dare il giusto contributo alla comunità dedicando gli spazi disponibili ed in questo senso è bello farlo in direzione dei bambini, un mondo che io adoro.”
Sull’argomento interviene il vicepresidente Beppe Nicita che dichiara “ abbiamo sempre curato con attenzione i settori giovanili e da quest’anno vogliamo farlo ancora di più e per questo ci siamo affidati a valenti professionisti che ringraziamo per la loro disponibilità e per l’impegno che ci mettono.”   “ Una società come la nostra – continua Nicita – che non può contare su risorse economiche di rilievo deve giocoforza tirare fuori risorse dal settore giovanile, solo così potremo avere un futuro consolidato.”