Serie CF: L’Effe Volley non bella ma “Campione d’Inverno”.

L’ Effe Volley S. Teresa supera come da pronostico il Volley Etneo ed allunga in classifica confermandosi campione d’inverno al giro di boa del girone B del campionato di serie C femminile.
Il pre-partita non è stato dei migliori per Andrea Caristi, coach della squadra locale, che si è trovato all’improvviso con entrambi le palleggiatrici quasi fuori causa. Giulia Leandri, che secondo le intenzioni del tecnico messinese sarebbe dovuta partire titolare, si è presentata in palestra febbricitante mentre Gabriella Girone si è fatta male ad una caviglia durante la fase di riscaldamento. Era stata allertata per un ritorno alle origini ( in Argentina giocava in regia ) Pilar Miranda , ma poi alla fine si è deciso di rischiare la Girone , con  la giovane ex Savio Messina che ha stretto i denti e si è sacrificata sull’altare della causa santateresina.
Detto della scelta sulla palleggiatrice Caristi ha continuato il suo lavoro di turnover presentando ancora Valentina Cicala dal centro in luogo di Sonia Camelia a far coppia con Alessandra Munafò e Rosanna Irato di fuori mano con relativo spostamento di Alessandra Maccarrone in posto quattro al fianco di Pilar Miranda. Inamovibile nel ruolo di libero Rosa Letizia che si è confermata sugli standart a lei ascrivibili.
La gara non è stata tra le più belle e non verrà archiviata come la migliore della stagione anche in considerazione del fatto che lo staff tecnico nelle ultime settimane sta procedendo ad effettuare un duro richiamo fisico-atletico con cinque sedute di allenamento settimanale, lavoro che continuerà anche la prossima settimana alla vigilia dei quarti di finale di Coppa Sicilia previsti per domenica prossima al palabucalo con il Team Volley Catania. Ritornando al match la squadra ospite rispetto a tre settimana fa – quando fu eliminata negli ottavi di coppa proprio dall’Effe – presentava la novità del cambio in panchina dopo le dimissioni del tecnico del tecnico Gustavo Escher al quale è succeduto Daniele Nicosia che aveva iniziato la stagione nello Jamada Golden Volley Acicatena. In panchina in attesa del transfer siedeva Giuseppe Astuti.
Primo Set: Il primo set iniziava con break in battuta di Alessandra Maccarrone che valeva il 7-0, tutto il parziale si snocciolava per inerzia con le giocatrici locali che pur non giganteggiando giocavano di esperienza sugli errori altrui e si concludeva sul 25-15.
Secondo Set: Il secondo tempo era più equilibrato soprattutto in fase iniziale con l’Effe che partiva sul tre a zero, poi si faceva risucchiare sul 6 pari ed andava giù sul 6-7 sino ad uno svantaggio massimo di meno tre ( si era sul 7-10). Ospiti avanti sino al 12- 13 poi un filotto in battuta dell’argentina Miranda portava la capolista sul 20-13 per un set che si chiudeva sul 25-19.
Terzo Set: Il terzo ed ultimo set, svoltosi sempre con la stessa formazione iniziale, è un continuo saliscendi. Effe avanti sul 5 a 1, ripresa dalle etnee sul cinque pari. Leggero appannamento santateresino con le ospiti che si portavano sul 13 a 11 in loro favore poi break Effe e relativo più tre sul 19-16, controbreak  catanese e risultato di parità sul 23 a 23. Chiude il set e la gara la Maccarrone con una ace in battuta.
Da registrare l’ottima vena in fase realizzatrice dell’argentina Pilar Miranda, che dopo un periodo di appannamento sembra dare incoraggianti segnali di crescita. Ottima a muro Valentina Cicala. Per il resto poco spettacolo per i problemi elencati in apertura ma tre punti preziosi che consetono a Camelia e compagne di allungare di una lunghezza  sul Messana Volley che ha vinto solo al tie-break sull’Azzurra.   

EFFE VOLLEY S. TERESA – VOLLEY ETNEO 3-0

Parziali Set: (25-15  25-19  25-23)
Effe Volley S. Teresa : Leandri, Camelia, Cicala, Letizia, Girone, Serban, Irato, Pedale, Maccarrone, Munafò, Cannata, Miranda. ALL: Caristi
Volley Etneo :D’amico, Di Martino, Di Salvo, Garozzo, Ippolito, Maccarrone, Marletta, Oliva, Ragusa, Scalia, Siciliano, Occhipinti, Coppola. ALL: Astuti
Arbitri: Visalli e Pavone
Segnapunti: Triolo