Atletico Messina: un gruppo di giovani-amici che fa sognare.

Si è concluso il girone di andata del campionato di Terza Categoria del Comitato di Messina, nel Girone B, sicuramente la squadra rivelazione è la “matricola” Atletico Messina, una compagine cittadina (età media 18-21 anni)  nata dall’idea di un gruppo di amici, dopo un inizio stentato, ha trovato il ritmo giusto mettendo in mostra oltre un buon gioco anche in carniere una serie di risultati utili consecutivi: una striscia consecutiva di 10 giornate dalla sesta giornata con la prima vittoria in assoluto 2-1 al Fiumedinisi fino all’ultimo turno (15 giornata) con lo Sporting Club Messina.
In queste dieci gare i ragazzi di mister Sandro Giacobbe hanno totalizzato 9 vittorie e un pareggio (0-0) sul campo della Pol. Monfortese. Un dato che emerge dalla striscia positiva che l’Atletico Messina non subisce gol da ben otto gare: da ben 720’ la porta difesa da La Fauci e Parisi è rimasta inviolata, mentre in fase realizzativa i gol fatti sono 26. Chi ha perforato la porta peloritana è stato alla settima giornata Di Bella della Trinacria Messina al 91’ sigla la rete del 5-2.
In questo campionato le uniche squadre che hanno segnato all’Atletico sono state il Team Scaletta (3-0) e Real Nizza (2-0), nelle prime giornate del torneo, le squadre che incontrerà nel giro di una settimana all’inizio del girone di ritorno, oltre all’Alì Terme. Il cammino dell’Atletico Messina lo porta al termine del girone di andata al quinto posto con 27 punti frutto di 9 vittorie, un pareggio e quattro sconfitte, con 34 gol fatti e 14 subite.

Abbiamo analizzato il momento d’oro dell’Atletico con il suo giovane Presidente Andrea Baldari , al quale abbiamo chiesto se possiamo definire il suo Atletico Messina “la matricola” terribile? “ Non penso che molti ci definiscono cosi, ci vedono molto giovani per la categoria quindi inesperti”.

Dopo una partenza non esaltante, avete iniziato la risalita, forse avete pagato l’inesperienza? “ Sicuramente l’inizio è stato molto duro, ma dopo esserci rimboccati le maniche sia squadra che dirigenza abbiamo cominciato ad emergere. Certamente qualche sbaglio deriva dall’inesperienza, tutti sanno che il più grande di noi ha 21 anni però impariamo dai nostri errori.”
Al termine del girone di andata siete al quinto posto, un risultato preventivato alla vigilia del torneo, vi ritenete soddisfatti di questa esperienza calcistica? “ Essendo appunto alla prima esperienza non era facile preventivare qualcosa, ma ancora non è il momento di tirare le somme della stagione abbiamo un girone di ritorno da iniziare.”
I numeri parlano di 10 risultati utili consecutivi, ma soprattutto da ben otto giornate non subite gol? “Siamo riusciti ad ingranare nel modo giusto e speriamo di continuare nel migliore modo possibile.”

Chi è l’anima, il giocatore insostituibile nello scacchiere di mister Giacobbe? “Abbiamo formato uno scacchiere di 23 ragazzi su cui puntiamo molto, il mister sa di poter contare su ognuno di loro quindi non parlerei di un giocatore insostituibile bensì di un gruppo insostituibile”

Nei risultati finora ottenuti, quanto ha influito la mano dell’allenatore? “L’allenatore ha dato sicuramente quel pizzico di esperienze che serviva, contribuendo a costruire il gruppo di cui adesso andiamo fieri.”

Nelle prossime partite siete chiamati alla prova del nove: Ali Terme, la capolista Team Scaletta e Real Nizza, le prime della classe (all’andata tre sconfitte ), forse solo dopo si può valutare le ambizioni dell’Atletico Messina? “Sappiamo di essere di fronte a tre partite importanti e speriamo di affrontarle al meglio come fin’ora abbiamo fatto nelle ultime partite, cercheremo quindi di portare a casa il risultato a differenza dell’andata”.

In eventuale promozione in Seconda Categoria, siete pronti ad affrontare un campionato sicuramente diverso dalla Terza Categoria? “Essendo una neo promossa non ci poniamo particolari obiettivi per questa stagione. Pensiamo a giocare partita dopo partita e solo a fine stagione tireremo le somme per programmare la prossima”

Il sogno nel cassetto del Presidente Baldari? “Preferirei non rivelarlo sono scaramantico”.