Nella ripresa un gol di Vinci fa volare l’Atletico Messina sul campo dell’Alì Terme.

Se lo aggiudica l’Atletico Messina, il big match andato in scena quest’oggi al comunale di Roccalumera. Il gol nella ripresa di Emanuele Vinci, basta alla corazzata di Giacobbe per imporsi, al cospetto di un Ali Terme sbiadito, capace di rendersi pericoloso solo due volte durante l’arco dei novanta minuti.
Ennesimo risultato positivo quindi per l’Atletico, che vede la sua striscia positiva allungarsi a 11 partite. Imbattibilità che in virtù del risultato odierno (0-1) continua senza freni: attualmente sono 810 i minuti durante i quali La Fauci (per una sfida Parisi) ha tenuto la porta inviolata. Nonostante il divario tra le due squadre si accorcia ad un solo punto, in favore degli odierni padroni di casa, la distanza per l’Atletico dalla vetta non tende a diminuire. Ancora una vittoria infatti per il Team Scaletta, che continua la sua marcia in vetta alla classifica. Occasione buona per avvicinarli, capiterà la prossima settimana nei piedi della matricola bianco-azzurra: infatti il calendario prevede l’incrocio tra le due compagini probabilmente migliori dell’intero campionato.
LA CRONACA: Agli ordini del Sign.Bruschetta di Messina, le due squadre scendono in campo alle 14.40. Atletico che finalmente può tornare a contare su 18 convocati. Si rivede Morabito, dopo un’assenza lunga sei gare. Giacobbe sceglie di inserirlo immediatamente nell’undici titolare, come rifinitore alle spalle dell’unica punta Bonanno. La fauci torna a trovare posto tra i pali, protetto da una linea a quattro composta da Milazzo a destra, Mascaro-Spinella coppia di centrali e il febbricitante Insana sulla sinistra. Centrocampo confermato, con Emanuele Vinci a fare coppia con Galletta sulla mediana e Nicocia e Chillè come ali. In panchina il neo arrivo La Valle. Ospiti con la tradizionale dorata, mentre l’Ali sfoggia maglia blu, con inserti gialli. Nella prima frazione l’Atletico attaccherà da sinistra a destra rispetto alla tribuna.
Gli interi primi 45 minuti di gioco, vedono le due squadre studiarsi molto. Entrambe hanno bisogno dei tre punti, come spesso accade quando si giocano sfide di altissima quota. La posta in palio è alta e nessuna delle due compagini sembra volersi scoprire più di tanto e rischiare di prestare il fianco agli attacchi avversari. Dopo soli 14 minuti dall’inizio, Giacobbe è costretto ad operare un cambio: Insana era stato fino a 5 minuti prima dell’inizio in ballottaggio con Interdonato. Entrambi non al meglio, il mister aveva optato per la soluzione Insana. Ma quast’ultimo ben presto si accorge che la febbre è più forte di lui e il cambio è inevitabile. Al 19’ l’unica vera palla goal della prima frazione: è Nicocia a farsi trovare pronto sulla sinistra. La sua conclusione ad incrociare, si spegne alla sinistra di Micalizzi. Poco dopo deve arrendersi anche Spinella: nel tentativo di coprire una palla che stava sfilando in rimessa laterale, il numero 3 bianco-azzurro accusa uno stiramento e deve abbandonare il terreno di gioco. L’unica vera alternativa difensiva è Francesco Vinci, ma il mister ospite opta per un innesto più offensivo. Milazzo si sposta centrale difensivo ( ruolo che ha ricoperto con grandi risultati per buona parte della stagione). Al suo posto a sinistra scende Nicocia, con il neo-entrato Tripodo a posizionarsi come ala. Cambio che in prospettiva avrà i suoi frutti. Dopo due minuti di recupero, termina la prima frazione.

La ripresa offre uno spettacolo sicuramente più intenso. Già al 52’ Bonanno impensierisce la retroguardia con un’involata palla al piede, che però si spegne sull’ottimo intervento del numero 1 di casa. Un minuto più tardi è l’altro numero 10 a rispondere. La conclusione velenosa di Repici, si spegne però alta sul fondo. È il turno del neo-acquisto bianco-azzurro La valle. In avanti c’era bisogno di cambiare qualcosa, di dare più brio. Nel giro di quattro minuti è proprio il 17 a creare una doppia occasione. Prima è lui stesso a rodare il piede, concludendo però alto sul fondo. Poco dopo si trasforma in assist-man , servendo una palla d’oro a Bonanno. Solo che il primo controllo sbagliato, non permette al capitano ospite di concludere a rete. Al 65’ è il bomber di casa Riparare a rendersi pericoloso. La sua conclusione da fuori area, termina sul fondo.
La coppia La Valle-Bonanno sembra essere già rodata. Al 72’ il primo riceve dal capitano in profondità. Ma, nonostante l’impatto con il pallone al volo possa essere considerato buono, la conclusione del centravanti ospite si spegne a lato di Micalizzi. In due minuti la svolta della gara. Al 76’ capita nei piedi di Muzio, subentrato durante la prima frazione a Marino, l’occasione per portare in vantaggio l’Ali. A tu per tu con La Fauci, il 17 spedisce però la sfera larga sul fondo, sprecando la più nitida delle palle goal capitate ai padroni di casa. Al 78’ arriva la rete che decide l’incontro. Sugli sviluppi di un calcio di punizione dai 30 metri, Tripodo calcia la sfera che dopo un goffo intervento di Micalizzi, si infrange sulla traversa. Il primo ad arrivare sulla ribattuta è proprio Emanuele Vinci, che sigla la rete che vale il vantaggio. Occasioni vere e proprie per pareggiare il match, i padroni di casa non le costruiscono. Termina dopo tre minuti di recupero, la gara al comunale di Roccalumera.

Inutile sottolineare ulteriormente l’importanza di una vittoria, quella odierna, che permette all’Atletico di avvicinare ulteriormente la seconda piazza, attualmente ad un solo punto, utilissima in chiave play-off. Le ambizioni di aggancio alla vetta, potranno invece essere testate tra sette giorni, quando l’attuale padrona del torneo, il Team Scaletta, farà visita agli uomini di Giacobbe. Una vittoria in quel caso darebbe un grande segnale a tutto l’ambiente. Ma per adesso è meglio godersi la vittoria odierna e lo straordinario cammino dei bianco-azzurri.

Ali Terme-Atletico Messina: 0

MARCATORI: 78’E.Vinci

Ali Terme. Micalizzi, Roma (K), Maccarone (vk), Andronaco (84’Scarcella), Roma, Caminiti, Riparare, Campione, Muscolino, Repici (70’Micalizzi), Marino (43’Muzio). All. Rocco Villari

Atletico Messina.La Fauci, Insana (14’Interdonato), Spinella (27’Tripodo), Galletta, Mascaro, Milazzo, Nicocia (vk), E.Vinci (86’Scavello), Morabito (53’La Valle), Bonanno (K), Chillè. All. Francesco Giacobbe

Arbitro : Bruschetta di Messina