Calcio Rosa: Il Valle del Mela ritorna alla vittoria: 2-1 all’Aquile Bagheria.

Torna a vincere il Valle del Mela ospite del comunale di Spadafora per la concomitante gara a Giammoro ma la figuraccia dell’Aquile Bagheria rende amara la giornata. Indecente la gazzara finale provocata dalla Corsale assecondata dalla Manca che hanno cercato di aggredire le ragazze locali e perfino il buon Insana.
Purtroppo è un ripetersi che sta stravolgendo la stagione perché la gestione comportamentale è risultata davvero precaria e che non rende di certo onore al calcio femminile ed anziché fungere da traino ed incentivo, allontana invece che attrarre. Le palermitane, giunte solo in nove unità, non si possono discutere sotto l’aspetto tecnico perché hanno dimostrato le grandi potenzialità ma oggi, oltre la gara, hanno perso la faccia. Non si possono scaricare sugli altri le proprie deficienze o le proprie frustrazioni.
Le bagheresi peraltro hanno patito meno il ridotto organico per le dimensioni del Farsaci di Spadafora mentre sul prato di Giammoro avrebbero pagato dazio. Le giallorosse del presidente Mandanici volevano fortemente la vittoria e la Grillo è stata la bocca di fuoco firmando una doppietta mentre il momentaneo pareggio per le ospiti è giunto grazie ad un magnanimo rigore trasformato dalla Piro.
Dopo le fasi di studio e controvento, è arrivata la prima rete della Grillo che al 25’ ha superato con una deliziosa palombella la Manca. Le Aquile non hanno digerito lo svantaggio cercando la replica che è giunta quasi subito col balbettante Alesci che indicava il dischetto per un “mani” provocato dal vento. La Piro, ringraziava e trasformava. La tecnica e l’esperienza pendeva dal lato delle palermitane ma la voglia di far bene delle vallesi era tangibile e così una fuga perentoria sulla fascia sinistra della Grillo al 42’ trovava la conclusione col pallone ancora alle spalle della Manca.
Si torna in campo con le locali in favore di vento mentre le palermitane si lanciavano in avanti alla ricerca del pareggio porgendo però il fianco ai veloci contropiede della Grillo che, forse paga della doppietta, sciupava tanto coadiuvato a volte dalla Mariano. Verso lo scadere l’arbitro non se la sentiva di espellere il portiere ospite rea d’aver sbattuto per le terre la lanciatissima Grillo quando questa stava per triplicare. Poco dopo giungeva il triplice fischio ed il poco edificante colpo di coda delle due giocatrici palermitane che si lasciavano andare a comportamenti inqualificabili. In queste occasioni non bastano mai i provvedimenti disciplinari (è da vedere ciò che l’arbitro ha riportato a referto) perché sono gli atteggiamenti, come certe frasi, che non stanno nel modo di essere donna. Non si vuole essere figli dell’ipocresia ma taluni comportamenti depongono veramente male in ogni campo ed in ogni ambiente.
Tornando al calcio giocato, la settima vittoria rinsalda un buon quinto posto mentre le ragazze ora dovranno rendere visite a La Vigneta ad Aci S.Antonio, una gara alla portate di Gemellaro e socie e che potrebbe garantire l’inserimento nella griglia dei play-off.

Valle del Mela 2   Aquile Bagheria 1

 

Reti: p.t.25’ e 42’ Grillo, 30’(rig.) Piro
VALLE DEL MELA: Amalfa, Pirri (st 12’ Armato), Carulli, Gemellaro, Cirino, Accordo, Vita (st 44’Giacobbe), Mariano, Misiano (st 35’Pino), Ruggeri (st 24’ Evangelista), Grillo.All.Insana.
AQUILE BAGHERIA: Manca,  Cusmà Piccione, Fricano, Ficarotta, Tomasello, Ravvolgi, Gammicchia, Piro, Corsale.
Arbitro:Alesci(Barcellona)