Il Cus Messina fa pari contro la PGS Don Bosco, e spegne definitavamente ogni possibilita di sogno play off.

Si  spengono  definitavemente  sul sintetico etneo di Valverde ogni se pur minima possibilita  i sogni per una qualificazione play off  per il Cus Messina con il pareggio per 1 a 1 contro la giovane formazione della PGS Don Bosco che esce a testa alta da questo confronto  non avendo rubato nulla, questo è il giusto epilogo di una stagione nata sicuramente storta nelle competizioni prato, che fa da contrasto invece all’esaltatnte stagione Indoor per la squadra peloritana.
Serena a fine gara l’analisi del neo tecnico cussino Daniele Intersimone “è’ un vero peccato che la stagione finisca ora almeno sotto l’aspetto di un nostro possibile inseriemnto per la lotta al vertice ora  che la squadra migliora di partita in partita anche se devo dire che oggi abbiamo fatto un passo indietro rispetto alle due ultime prestazioni complice qualche assenza importante e soprattutto il forte caldo con l’infelice orario di giocare una gara alle 13,00, sono soddisfatto comunque  per il punto conquistato contro la PGS Don Bosco contro una  formazione se pur giovane in grande forma  , ma guardandomi indietro dico con forza che questa stagione si  può chiudere lo stesso  positivamente farremo il nostro dovere fino in fondo non regalando niente a nessuno.

La partita: Intersimone schiera un undici con qualche defezione dell’ultima ora prima su tutti quella del capitano Fabio Intersiomone che in mezzo al campo fa sentire la sua assenza, non sono della gara anche i giovani Ardizzone, Maesano,Curreli, Ficarra e soprattutto Alberto La Torre elemento importante in zona offensiva, ritornano a disposizione invece Andrea Provenzale e Andrea Meesa non ancora al meglio sotto l’aspetto fisico. Parte subito all’attacco la squadra barcellonese, ma Francesco Subba  è molto sicuro sulle conclusioni dalla distanza, dall’altra parte Kaitaz si supera su una conclusione a botta sicura di Aldo Dandrea,. al 34 l’episodio che sblocca la gara  fallo molto dubbio di Giuliano Subba su Armando Agolli  sulla linea dei 22, con lo stesso che mette subito in area dove la spizzicata di Denis Genovese lasciato colpovolmente solo dal suo marcatore  è vincente per battere Francesco Subba per l’1 a 0 che chiude il primo tempo.

Nel secondo tempo partono all’attacco i peloritani che però peccano di poca precisione in fase di conclusione e quando trovano lo specchio della porta fanno i conti con un Kaitaz molto sicuro che è anche fortunato quando un suo compagno salva sulla  linea di porta al 45  una conclusione di Andrea Meesa. Il Don Bosco  regge la sfuriata dei messinesi  e inizia a tessere le proprie trame di gioco e al 54 Devran fa scaldari i guanti a Francesco Subba  al 56 bella azione personale di Gigi Spignolo sulla corsia destra che mette una palla a centro aerea che ne Meesa ne Provenzale riescono a deviare, al 59 Cus Messina che perviene meritatamente al pareggio bella azione di Andrea Meesa in area con la conclusione che trova pronto alla respinta Kaitaz sull’accorrente Provenzale che al volo mette la pallina in fondo alla porta.

Il Cus Messina  a un minuto  dalla fine ha la clamorosa palla per vincere anche  la partita quando Andrea Meesa serve a Giuliano Subba l’assist per chiudere la partita, ma il centrocampista peloritano  manda la palla sull’esterno della porta a portiere battuto. Rammarico nel clan cussino per l’occasione gettata al vento sul triplice fischio arbitrale,  qualificazione play off  rimandata alla prossima stagione, ma quella sarà un altra storia.

PGS DON BOSCO   1  CUS MESSINA        1

Marcatori: 34’ Genovese, 59’ Provenzale.
PGS Don Bosco: Kaitaz, Genovese A., Di Pasquale, Mazzeo, Puglisi, Dewran, Agolli, La Rocca, Genovese D., Spina, Balotta.  All. Sergio Fraumeni
CUS Messina: Subba F., Maffa, D’Andrea F., Subba, D’Andrea A., Spignolo A., Spignolo L., Provenzale, Meesa, Siracusa, Intersimone , All. Daniele Intersimone.
Arbitri: Fresta e Bandieramonte di Catania.
Note: angoli corti 7 a 1 per il Cus Messina, ammoniti Dandrea A (CM), Agolli (PGS) espulso Puglisi (PGS)