Ronde dei Peloritani: Alloro per la Torre-Briguglio della Scuderia Phoenix.

Si chiude, non senza polemiche, la nona edizione del Rally Ronde dei Peloritani, che incorona l’equipaggio La Torre – Briguglio, ma perde il duo Nucita – Salvo, (terzi assoluti a fine gara), squalificati per un adesivo posto sul lunotto della loro Fiat 500 Abarth, che ricordava il compianto campione di S.Teresa di Riva, Antonio Stracuzzi.
Giuseppe La Torre e Bruno Briguglio, su Peugeot 207 S2000, sono i vincitori dell’edizione 2013 del Rally Ronde dei Peloritani. L’inedito equipaggio della riviera jonica messinese, che si è alternato con professionalità alla guida della vettura gestita dall’LB Tecnorally, ha agguantato la testa della corsa dopo l’inaspettato ritiro di Currenti – Chambeyront, scaturito in seguito ad un malore che ha colpito l’esperto navigatore messinese e di Salvatore Armaleo, fino a quel momento secondo.
Secondo assoluto e primo di classe A6, il locale Giuseppe Arena su Citroen Saxo, bravo a non commettere errori e velocissimo in tutti e quattro i tratti cronometrati. Pronostici rispettati in classe FA5, grazie al primato di Marcello Rizzo con la sua Peugeot 106 Rallye. Splendida vittoria di classe FN2 anche per i giovani Marco Toscano e Angelo Santisi su Peugeot 106 Rallye curata dall’autotecnica Macrì. Non si sono risparmiati fino all’ultima prova speciale gli amici/rivali Nino Sparacino e Franco Foscolo, rispettivamente primo e secondo tra le FN1.
Di PierCesare Zingale