Quattro Giornate a La Speme. Due turni a Munafò e Foresta (Pistunina).

Provvedimenti Disicplinari relativi all’ultima giornata del campionato di Promozione. Nel mirino del Giudice Sportivo la Società del Pistunina: squalificati tre  giocatori (La Speme, Foresta e Danilo Munafò) e il dirigente Coluccio.

Giocatori Squalificati:

Quattro Giornate:

Gianluca La Speme (Pistunina) “Per condotta scorretta; nonchè per contegno offensivo e minaccioso nei confronti di ufficiali di gara, dopo l’espulsione”.

Due Giornate:

Danilo Munafò (Pistunina) “Per contegno offensivo nei confronti dell’arbitro, a fine gara”.
Bonomonte (Castelbuono), Mario Foresta (Pistunina), Scibilia (Torregrotta), Cantagallo (Troina)

Una Giornata:

Da Campo (Ciappazzi), Toscano (Real Avola), Famà (Sporting Taormina), Saraniti (Agira), Intelisano (Aci S. Filippo), Marino (Dattilo), Di Grazia ( Delfini Vergine), Marrone ( Ligny Trapani), Vegna (Montemaggiore), Spartà ( Real Aci), Rotondo (Real Biscari).

Squalifica per Recidiva in Ammonizione.

Una Giornata: Ioppolo (Sinagra), Moschetto (Atl. Pedara), La Spada (Torregrotta), Villani (Giarre), Agliano e Bianca (Libertas Rari Nantes), Ventura (Atletico Catania), Argetta ( Atletico Gela), Mastronardi (Aci S. Filippo), Arlotta, Calderone e Di Stefano (Delfini Vergine), Palumbo (Mussomeli), Di Pasquale (Pachino), Patti (Real Biscari), Gallo (Palazzolo)

Ammende Società:

Sinagra Calcio: 100 Euro “Per avere, propri sostenitori, assunto contegno minaccioso nei confronti di un A.A.
Giarre Calcio: 250,00 Euro “Per avere, propri sostenitori, assunto contegno offensivo e minaccioso nei confronti dell’arbitro, altresì attinto reiteratamente da sputi”.

Ammende Dirigenti:

Luigi Coluccio (Pistunina) squalificato fino al 25 Novembre 2013 “ Per contegno offensivo nei confronti dell’arbitro”.
Paolo Alaimo (Sporting Racalmuto)squalificato fino al 5 Dicembre 2013 “Per contegno irriguardoso ed offensivo nei confronti di un A.A”.
Luigi Gandolfo (Salemi) squalificato fino al 10 Novembre 2013 “Per proteste nei confronti dell’arbitro”.