Tre gol, una traversa, un palo: la Gioventù Furcese doma l’Itala.

Tripudio di folla al comunale di furci, si affrontavano la gioventù furcese reduce dalla sconfitta esterna contro la capolista Siac Messina, e l’Itala con tanta voglia di rimanere in scia play off. Al termine dei 90′ ad aggiudicarsi l’intera posta in palio con un secco 3-0 sono stati i ragazzi di mister Carmelo Cacciola, che hanno colpito anche una traversa e un palo.

La gara: Padroni di casa tengono bene il campo grazie a molti fraseggi corti ma le offensive venivano bloccate da un caparbio Itala che grazie al suo capitano Codraro faceva ripartire la propria squadra in modo pericoloso. Al 25′ invenzione di Fabio Mento che da 35 metri grazie ad uno stupendo tiro centra la traversa, sarà il preludio del gol che arriva al 27′: 
//

corner battuto dal solito Giuseppe Carpo per Rocco Burgio che di testa tira miracolo del portiere ma sulla ribattuta con un rabbioso sinistro segna il gol del vantaggio. La reazione degli ospiti arriva sul finire del primo tempo con De Luca tira cercando il pareggio ma il neo acquisto Crimi con un miracolo infrangere i sogni del gol.Si va al riposo con la Gioventù in vantaggio per 1-0.
Secondo tempo: L’ Itala tenta di spostare il baricentro in attacco con l’innesto di Danilo Mangiò , un altro attaccante, le squadre si sbilanciano ma i ragazzi di mister Carmelo Cacciola trovano il secondo gol: stupendo movimento di Davide Ponzio si libera in area cross per  Nicolò Randisi tiro di tacco miracolo portiere ospite ma il solito Loris Di Blasi sulla ribattuta segna il 2 a 0 .
Gli ospiti non ci stanno e con Roberto Codraro dalla distanza cercano il gol ma ancora Crimi I oggi in stato di grazia nega la rete. Al 65′ contropiede dei padroni di casa Loris Di Blasi si invola sulla destra tiro e colpisce il palo. Al 78′ fraseggio gradevole tra Egitto e  Di Blasi quest’ultimo con un pregevole pallonetto segna il 3a0 . Cinque minuti di recupero triplice fischio finale che sanciscono i 3 punti per la Gioventù Furcese .
Servizio a cura di CARLO CALARCO