La Trinacria Messina (in nove) vince sul campo del Calcio Sparagonà.

Incredibile Sparagonà: sotto di un gol ad inizio gara, riesce a pareggiare ad inizio della ripresa, poi non riesce a sfruttare la superiorità numerica (il Trinacria in nove) subisce nel finale il gol di D’Arrigo che condanna alla sconfitta la compagine allenata da mister Enzo Famulari.
Inizia con una sconfitta il nuovo anno per la formazione santateresina del Calcio Sparagonà che cede l’intera posta in palio al Trinacria Messina che esce vincente dal Comunale di Bucalo.

Gli ospiti sbloccano subito il risultato, grazie ad un calcio di rigore decretato dal direttore di gara per un fallo commesso dal portiere De Clò nei confronti dell’undici ospite. Siamo al 12’ sulla sfera si presenta Brancati che non fallisce l’esecuzione portando in vantaggio la propria squadra. La reazione dei padroni di casa non si fa attendere ma non riescono a perforare la retroguardia giallorossa del Presidente Benito Chiofalo. Si va al riposo sul punteggio di 1-0.

Al ritorno in campo la squadra allenata da Famulari sembra più determinata al 51’ ottiene un calcio di rigore: Sparacino dalla destra mette al centro sulla traiettoria la sfera viene toccata con le mani da Caruso con l’arbitro che indica il dischetto di rigore, ed conseguente espulsione di Caruso. Sulla sfera si presenta l’attaccante Orazio Vittorio con freddezza sigla la rete del pareggio. Nell’arco di un giro dell’orogolio il Calcio Sparagonà ristabilisce la parità, oltre a ritrovarsi in superiorità numerica per l’espulsione di Caruso.
La gara sembra indirizzata sui binari giusti per i padroni di casa per sferrare il colpo del k.o. Le speranze aumentano quando al 61’ l’arbitro espelle Marchese (per somma di ammonizione) un altro giocatore della Trinacria Messina lasciando gli ospiti per i restanti 30’ in nove uomini. Invece al 77’ il neo entrato D’Arrigo porta in vantaggio la Trinacria: punizione dalla destra di Acacia che serve D’Arrigo indisturbato dal limite dell’area fa partire un bolide che si insacca nell’angolino alla destra di De Clò.
La reazione dello Sparagonà è piuttosto sterile non riescono ad imbastire seri pericoli verso la porta di Cucinotta. Arriva il triplice fischio finale che decreta la vittoria della Trinacria Messina che si porta a quota 20 punti in graduatoria in piena area play-off, per il Calcio Sparagonà una caduta, la seconda consecutiva, che fa rimanere i padroni di casa a metà classifica a quota 13 punti.

Calcio Sapragonà 1 Trinacria Messina 2

Marcatori: 12’ su rigore Brancati, 51’ su rigore Vittorio, 77’ D’Arrigo.
Calcio Sparagonà: De Clo, Vittorio, Sciarrone, Sparacino (68’ Casablanca), Calafiore, Spadaro (74’ Cicala), Santoro, Smiroldo O., Smiroldo A., Leo, Settimo. All.: Enzo Famulari
Trinacria Messina: Cucinotta, Barbera, Ardizzone, Marchese, Giacopello, Russo, Oro (74’ D’Arrigo), Brancati, Scrima (52’ Godfrey), Acacia, Caruso. All.: Luigi Cappello
Arbitro: Benito Saccà di Messina
Ammonizioni: De Clo, Smiroldo A. (Calcio Sparagonà), Oro, Acacia, D’Arrigo, Godfrey (Trinacria Messina).
Espulsi: 50’ Caruso, 61’ Marchese