Taormina – Pistunina: gara persa 0-3 ad entrambe. Tre turni a Vita (Pistunina), Multate le Società

Il 13 gennaio al Bacigalupo di Taormina in campo per la gara del campionato Juniores Taormina e Pistunina, sul punteggio di 3-1 per i padroni di casa al minuto 71’ la gara viene sospesa per una rissa in campo che ha visto protagonisti tutti i 22 giocatori in campo.

Puntuale è arrivato il provvedimento disciplinare in merito hai fatti successi quel pomeriggio a Taormina: ecco cosa ha deciso il Giudice Sportivo:

a. respingere il reclamo della Società Pistunina per mancato risconto probatorio dei fatti segnalati;

b. assegnare la punizione sportiva della perdita della gara ad entrambe le società per 0-3;

c. infliggere l’ammenda di euro 200,00 alla società Taormina per globale condotta violenta di squadra e per mancato approntamento del servizio d’ordine pubblico la cui presenza avrebbe potuto sedare gli animi dei sostenitori posizionati oltre la recinzione del terreno di gioco;

d. infliggere l’ammenda di euro 150,00 alla società Pistunina per globale condotta scorretta di squadra;

e. confermare la inibizione già inflitta nei confronti del sig. Velardo Salvatore, dirigente accompagnatore della società Pistunina con C.U. n.34 del 17/01/2014

f. squalificare per n.3 gare il giocatore Vita Santo della Società Pistunina per condotta violenta nei confronti di un calciatore avversario;

g. Incamerare la tassa di reclamo se non già versata.

Cosa è successo in quel pomeriggio calcistico al 71’ della gara Taormina – Pistunina? Ecco quanto viene riportato dall’arbitro nel suo referto:

“esaminato il referto del direttore di gara, dal quale risulta che la stessa è stata sospesa al 26’ del secondo tempo per effetto di una rissa che ha coinvolto globalmente tutti i calciatori di entrambe le squadre;

accertato in particolare che la sospensione di cui trattasi è stata originata da una spinta data dal giocatore Vita Santo della società Pistunina al calciatore Muscolino Davide, episodio intervenuto all’atto del subentro in campo del giocatore Crisafulli Santi, in procinto di sostituire il citato Muscolino Davide;

considerato che la spinta subita dal calciatore Muscolino determinava un battibecco che l’arbitro sedava tempestivamente;

atteso che, dopo qualche minuto, il gioco non poteva più riprendere a causa di un globale assalto da parte di tutti i componenti delle due squadre, scatenando una furiosa rissa generale, nel corso della quale si colpivano ripetutamente con calci e pugni nonostante l’intervento di alcuni dirigenti che cercavano di riportare la calma;

atteso che in tale frangente il direttore di gara, portatosi a distanza di sicurezza al fine di non rimanere intrappolato nel parapiglia in corso ed anche allo scopo di meglio accertare i fatti in corso, non riusciva ad individuare in maniera specifica i protagonisti, i quali tutti si erano tolti le rispettive maglie;

considerato che, inseguito alle circostanze oggettive venutesi a determinare, il direttore di gara decretava la sospensione dell’incontro al 26’ del secondo tempo, facendo rientro negli spogliatoi;

accertato che al rientro nel suo spogliatoio, il sig. Velardo Salvatore, dirigente accompagnatore della società Pistunina insultava l’arbitro dicendogli testualmente “la colpa è della Lega che manda i cretini come a te”;