La Mia Basket Messina non riesce a sfatare il tabù trasferta: vince il Paternò.

Ancora una sconfitta esterna per la Mia Basket Messina, i ragazzi allenati da Massimo Sigillo anche a Paternò hanno giocato una gara generosa ma, come in altre occasioni è mancata loro la continuità. Non era un match facile, lo si sapeva già alla vigilia, però i bianco blu hanno messo in difficoltà una squadra che presentava alcune individualità di spicco che alla fine hanno fatto la differenza. Decisiva per il Paternò l’asse play – pivot, con Dario Sortino (20 punti messi a segno) Simone Zerini (16) abili a trascinare i compagni alla vittoria, senza però dimenticare gli altri giocatori paternesi, come Fiorito (13), Asero e Foresta (10 a testa) che hanno saputo opporre resistenza alle giocate di Bellomo e soci.

Proprio il biondo play della Mia è stato il miglior uomo della gara, con i suoi 30 punti personali a referto, giocando anche per i compagni e distribuendo buoni assist. Purtroppo non ha trovato la giusta collaborazione, infatti è stato l’unico ad andare in doppia cifra, alla quale si dono avvicinati Emanuele Cucinotta (8) e Ciccio Casile (7).

Senza Bonfiglio e Postorino, coach Sigillo fa esordire con la maglia della Mia, Davide Gugliotta (classe ‘96), ultimo arrivato alla corte del presidente Germanà, proveniente dal Basket School Messina. L’approccio al match dei giovani messinesi è positivo, il primo quarto è molto combattuto. Bellomo e Cucinotta con 6 punti ciascuno tengono alto il vessillo bianco blu, alla prima sirena il vantaggio dei locali è di appena un punto (18-17). Nel secondo parziale la Mia sta sempre alle costole degli etnei che però riescono a raggranellare un piccolo vantaggio che porteranno fino alla fine del primo tempo che si chiude sul 37-31.

Ma è nel terzo periodo che avviene la svolta della gara, i biancorossi piazzano il parziale decisivo, mentre i messinesi perdono un po dello smalto che li aveva contraddistinti nella prima frazione del match. La difesa di casa funziona meglio e le ripartenze degli esterni consentono al Paternò di guadagnare ulteriore terreno, chiudendo alla penultima sirena sul +12 (53-41), un vantaggio che la formazione di coach Castiglione dovrà gestire nei dieci minuti finali.

La Mia però non si da per vinta, e tenta di rientrare in partita, Bellomo cerca di trascinare i compagni con i suoi 13 punti personali realizzati nell’ultimo quarto, ma gli etnei non si lasciano sorprendere e, nonostante debbano cedere il parziale (20-23), chiudono vittoriosamente il loro esordio nella poule retrocessione con il punteggio di 73-64

Per i ragazzi messinesi la soddisfazione di aver giocato alla pari su un campo difficile come quello di Paternò, contro avversari sicuramente più esperti. Casile e compagni potranno rifarsi già domenica prossima quando al PalaTracuzzi, alle ore 20:00, ospiteranno i catanesi del PGS Sales.

Nel campionato Under 19, lunedì 3 marzo era in programma la gara conclusiva della prima fase, ma il match fra il Basket Barcellona e la Mia Basket, il match non si è disputato per il mancato arrivo dell’arbitro e sarà recuperato a data da destinarsi. L’Under 17 torna in campo mercoledì 5 marzo ed affronterà i pari età dell’Aquila Nebrodi.

Basket Club Paternò – Mia Basket Messina 73-64

Basket Club Paternò: Pappalardo, Lo Faro C., Sortino 20, Fiorito 13, Santonocito 4, Asero 10, Floresta 10, Lo Faro G., Zerini 16, Russo. Allenatore: Vincenzo Castiglione.
Mia Basket Messina: Bartilotti, Casile 7, Cordaro 5, Calarco, Gugliotta 2, Minutoli 1, Cucinotta 8, Mazzullo 5, Marabello 1, Bellomo 30, Gulletta D. 5. Allenatore: Massimo Sigillo
Parziali: 18-17; 19-14 (37-31); 16-10 (53-41); 20-23 (73-64)
Arbitri: Alvin Perrone di Catania e Federico Puglisi di Aci Catena