Rally Torri Saracene prova dolce-amara per l’Sgb Rallye

Grande prova per il giovanissimo Matteo Salpietro portacolori dello Junior team, vittoria under 23 per l’equipaggio De Luca-Bellardita. Giornata dolce amara per i portacolori della scuderia nebroidea Sgb Rallye in una gara risultata molto dura e selettiva, che ha messo a dura prova macchine e piloti. Le tre prove hanno regalato al numerosissimo pubblico molto spettacolo grazie anche alle diverse caratteristiche di ognuna delle tre ps.
Doppietta in classe N2 con l’ottima affermazione di Salvo Calabrò con alle note Teodoro Ruggeri capace di portare alla vittoria la sua Peugeot 106 Rally seguito alle sue spalle da un grandioso Matteo Salpietro navigato da Michele Marturano a bordo della Peugeot 106 rally targata sgb, appena rivista e rialzata dalle sapienti mani del presidente Gulino, capace di rimontare caparbiamente dopo un minuto di penalità causa un errore al controllo orario senza il quale avrebbe potuto tranquillamente mirare al gradino più alto del podio ed autore di 5 vittorie di prove speciale di classe.

Altro podio questa volta però nel gradino più basso a causa di noie al cambio per il duo composto da Gianluca Di Dio Masa e Giusi Tricoli autori di una buona prova con alle loro spalle appena sotto il podio Alessandro De Luca e Antonio Bellardita al rientro sulle ps dopo un periodo di stop e vincitori della coppa under 23.

Gara sfortunata per Massimo Merendino e Simone Lamonica che a bordo della Peugeot 106 Rally gruppo A stavano lottando per il podio quando sono stati costretti, per un problema all’alternatore, ad uscire dall’ultimo parco assistenza in notevole ritardo subendo una penalità di sette minuti. Non meno sfortunato l’equipaggio composto da Nicol Ridolfo e Antonio Tumeo gia campioni siciliani in carica in classe A5 e dominatori assoluti della loro classe, costretti al ritiro a pochi chilometri dal traguardo dell’ultima ps a causa della rottura del differenziale autobloccante.

Non è andata meglio in classe A7 a Giuseppe Schepisi in coppia con Alessio Pizzo costretto al ritiro per un problema all’idroguida ed alla cinghia di distribuzione durante la ps1 nella quale faceva segnare tempi molto interessanti. Un guasto al cambio durante la ps 4 ha fermato anche l’equipaggio composto da Costanzo Fallea e Angelo Costanza autore fino a quel momento di un’ottima prova. Esordio al volante da dimenticare per Antonio Cappadona navigato dalla figlia Alessia costretto allo stop in ps1 per la rottura del cambio. Stessa sorte per l’equipaggio composto da Franco Schepis e Claudio Di Bua durante la ps2.

Prossimo appuntamento per i portacolori della scuderia Sgb Rallye sarà la ronde di Maccalube in programma sulle strade agrigentine a fine mese.