Rally D’Elba: Sgb Rallye e Di Benedetto protagonisti sfortunati.

E’ durata solo due ps, quelle notturne del venerdì nelle quali sono stati assoluti protagonisti, la gara del forte equipaggio Di Benedetto – Siragusano fermato durante il trasferimento per problemi elettrici alla loro Peugeot 207 s2000.

Inizio in salita per Alfonso Fofò Di Benedetto nella prima prova dell’International Rally Cup. Il forte pilota agrigentino in forza alla scuderia nebroidea Sgb Rally di San Piero Patti e navigato dall’esperto Rosario Siragusano è stato costretto alla resa dopo il riordino notturno e proprio alla partenza della seconda giornata del caratteristico rally d’Elba. A nulla è valso il massiccio intervento dei meccanici del team IM Promotor Sport, che gestisce la potente Peugeot 207 super 2000 del pilota siciliano più vincente di sempre.
L’inizio del rally era stato dei migliori con Alfonso Di Benedetto che grazie alla sua enorme grinta faceva segnare il terzo tempo assoluto nella prima delle due lunghe ps serali del primo giorno di gara infliggendo ben 24 secondi nei 15 km di prova al successivo concorrente di classe s2000 ed inserendosi prepotentemente nella lotta con il cronometro davanti anche a ben 7 più potenti vetture Wrc, una delle quali raggiunta addirittura in prova. Tutto funzionava a dovere e malgrado lo stesso pilota alla fine della prima prova avesse dichiarato che la macchina scivolava parecchio, era riuscito comunque a trovare il giusto feeling con il pacchetto a sua disposizione.
E’ nella seconda prova che purtroppo inizia la sfortuna, Di Benedetto e Siragusano affrontano la prova con la stessa grinta di prima ed i tempi intermedi lo confermano, fin quando però un problema elettrico causa lo spegnimento ad intermittenza dei fari e come se non bastasse anche una pietra all’ingresso di una curva provocava la foratura della gomma anteriore destra, che costringe l’equipaggio ad affrontare gli ultimi 8km dei 22 totali della prova con la gomma completamente ko. Solo la grinta e la bravura del pilota permettono di limitare i danni e di chiudere la prova in 14esima posizione assoluta e in quarta di classe, chiudendo nonostante questo la giornata al secondo posto di categoria a pochi decimi dal primo e al nono posto assoluto.

Nel parco assistenza del sabato mattina a nulla sono valsi i vari interventi per ripristinare la 207 super 2000 che purtroppo non è nemmeno riuscita ad uscire dal parco. Ritiro doppiamente amaro visti i risultati ottenuti nelle prime prove che lasciano ben sperare equipaggio team e scuderia per le prossime gare da sicuri protagonisti.

Prossimo appuntamento IRC il prossimo 10 e 11 Maggio con il Rally Internazionale del Taro.