Il Limina rende dura la vita alla capolista Siac.

Il Comunale di Limina ancora una volta è il palcoscenico di una “promozione” di una squadra di Terza Categoria che prende il volo verso la categoria superiore. In passato è toccato all’Atletico Roccalumera festeggiare sul manto erboso del “Saglimbeni”, ieri è toccato alla Siac Messina degli ex-beniamini della tifoseria locale quando vestivano la maglia del Limina Calcio.

Ieri pomeriggio, quindi, la compagine di mister Alessandro in una gara vera con i padroni di casa che hanno reso dura la vita alla capolista, si è laureata “Campione” del campionato di Terza Categoria stagione sportiva 2013-14.

Non è stata una partita facile, di fronte un Limina decimato da alcune assenza si è dimostrato all’altezza dei peloritani, cedendo solamente in zona Cesarini le armi, solo su calcio di rigore. E’ stata una gara senza esclusioni di colpi con i ragazzi di mister Filippo Ragusa una volta subito il gol, non si arrendono, sale in cattedra il numero uno Cardullo che si oppone ai vari siluri che arrivano dagli attaccanti liminesi su tutti Marwin Costa, fino a capitolare, ma incredibilmente dopo che l’arbitro indica il dischetto del centrocampo, la sorpresa per giocatori e tifosi sugli spalti, era dietro l’angolo: i giocatori della Siac protestano per la decisione, tanto che l’arbitro ritorna sui propri passi ed concede una punizione in favore dei ragazzi di mister D’Alessandro.

Gara vera in campo, il Limina con grande caparbietà ristabilisce la parità: anche qui le vistose proteste dei “futuri campioni” di Terza Categoria per il calcio di rigore concesso ai padroni di casa per atterramento di Tamà con Cardullo che va anzitempo a farsi la doccia.

E’ partita vera sia in campo e che fuori con i tifosi che contestano una d ecisione dell’arbitro quando Marwin Costa lanciato in rete viene atterrato al limite dell’area dall’ultimo difensore ospite, nell’incredulità generale non fischia nulla facendo continuare a giocare.

Sembrava fatta con la divisione della posta, invece sul palcoscenico del Saglimbeni, in pieno recupero ancora protagonista il direttore di gara che concede un calcio di rigore alla Siac, con le naturali proteste dei locali, che alla fine si devono arrendersi alla trasformazione di Romano che fa volare la capolista in Seconda Categoria
Di Filippo Zaccaria